ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Tisana al biancospino: facile e salutare da preparare


Proprietà della tisana biancospino

La tisana al biancospino è sicuramente tra le tisane più famose, se non altro perchè è stata protagonista di diverse pubblicità negli ultimi anni e, pertanto, le sue proprietà sono mediamente più note rispetto ad altre piante officinali che pure abbiamo avuto modo di trattare in altri post.
Il biancospino è una pianta che cresce sotto forma di arbusto o piccolo albero appartenente alla famiglia delle rosaceae e le cui proprietà benefiche ed officinali erano note sin dall'antichità;
in questo post vedremo insieme come preparare una tisana, un infuso o un decotto al biancospino e impareremo a conoscere meglio le proprietà di questa bellissima pianta.

Tisana al biancospino: come preparare infusi e decotti

Prima di entrare nel vivo del nostro post sulla tisana al biancospino dobbiamo fermarci un attimo per capire quale sia la differenza fra le parole tisana, infuso e decotto; spesso queste tre parole vengono usate un pò come sinonimi in realtà identificano un preparato completamente differente l'uno dall'altro.
Si parla quindi di tisana, piuttosto che di infuso o decotto al variare della quantità di eccipiente (l'ingrediente fondamentale, quello cioè che contiene il principio attivo che nel nostro caso è il biancospino) rispetto una data quantità di acqua; all'aumentare del principio attivo, quindi, parleremo di volta in volta di tisana, decotto o infuso al biancospino

Ingredienti

A differenza di altre tisane che abbiamo avuto il modo di conoscere quella al biancospino può essere preparata sia a partire dalle foglie sia a partire dalle bacche; la scelta dipende sostanzialmente dall'uso che intendi farne, dato che dovrai certamente fare un salto in erboristeria o in parafarmacia per acquistare il tuo biancospino prova a chiedere consiglio al tuo rivenditore di fiducia su quale sia l'ingrediente migliore per la realizzazione della tua tisana, se le bacche o le foglie di biancospino. Per il resto ecco cosa ti serve per realizzare la tua tisana fatta in casa

  1. Biancospino: come accennato puoi usare sia le foglie che le bacche, orientativamente per preparare una tisana ti serve un cucchiaio di foglie o mezzo di bacche
  2. Acqua: una tazza per ogni tisana che intendi preparare
  3. Un colino: vedremo più avanti perchè
  4. Un Pentolino: meglio ancora se un bollitore

Preparazione

Dopo aver acquistato l'ingrediente fondamentale, le foglie o le bacce di biancospino, per preparare la tua tisana, ma vale anche per un infuso o un decotto, puoi procedere come segue

  1. Lava il biancospino, se hai acquistato le bacche puoi tenerle intere, mentre nel caso delle foglie tritale grossolanamente prima di utilizzarle
  2. Riempi il pentolino con l'acqua necessaria e lasciala scaldare
  3. Quindi aggiungi il biancospino (un cucchiaio per ogni tazza di tisana che intendi preparare nel caso delle foglie, mezzo se si tratta di bacche)
  4. Aspetta che la tisana vada in ebolizzione e lasciala il tutto in infusione ancora per qualche minuto
  5. Elimina le foglie o le bacche di biancospino usando il colino
  6. Consuma la tisana ancora bollente

Tisana al biancospino: benefici e controindicazioni

Fin qui abbiamo capito che cos'è il biancospino, quali sono le parti di questa pianta utili a preparare una tisana, un infuso oppure un decotto e come fare, praticamente, a produrre la nostra tisana facilmente ed in maniera casalinga;
abbiamo anche detto che le proprietà del biancospino erano già note in antichità, vediamo quindi in quest'ultimo paragrafo quali sono i benefici e le eventuali controindicazioni della tisana al biancospino

Proprietà, benefici e controindicazioni della tisana al biancospino

Anche se spesso siamo portati a considerare i prodotti omeopatici come innocui, se non addirittura inutili, la verità, indipendentemente dalle opinioni di chiunque, è che le piante officinali contengono effettivamente determinati principi attivi i quali possono portare certamente dei benefici se consumate con criterio ma anche danni se usate in maniera improvvisata; non fa eccezione in questo il biancospino che può essere certamente d'aiuto nel trattare alcuni piccoli disturbi ma potrebbe anche essere un pericolo per la tua salute se inizi a consumare abitualmente tisane al biancospino e rientri in una di quelle categorie sensibili che dovrebbe invece evitare di farlo.
Vediamo quindi subito quali sono i benefici della tisana al biancospino per la nostra salute e il nostro benessere e in quali casi, al contrario, l'assunzione di questa bevanda andrebbe preferibilmente evitata.

  1. Proprietà officinali

    Le piante si definiscono officinali quando contengono dei principi attivi che possono rivelarsi utili per curare alcuni piccoli disturbi che sono all'ordine del giorno, vediamo quindi quali sono i benefici per la nostra salute che derivano dal consumo di una tisana al biancospino
    1. Proprietà distensive: la tisana al biancospino è nota per le sue proprietà rilassanti e viene quindi suggerita alle persone con problemi di ansia, stress e insonnia
    2. Proprietà cicatrizzanti: ad uso esterno un decotto al biancospino può essere usato come rimedio naturale per favorire la cicatrizzazione
    3. Proprietà cardiotoniche: dato che il biancospino ha tra le sue proprietà officinali quella di essere un discreto vaso dilatatore viene anche considerato, proprio in virtù di questo, un buon cardiotonico (aumenta cioè la capacità di contrazione del cuore)
  2. Usi omeopatici

    A differenza di altri prodotti che abbiamo avuto modo di trattare la tisana al biancospino trova le sue uniche applicazioni in virtù delle sue proprietà officinale e non è noto alcun consumo al livello omeopatico; quello che intendiamo dire è che mentre altre tisane possono essere usate anche come cosmetici o per scopi come, ad esempio, il trattamento di inestetismi come quelli dovuti all'acne o alla cellulite, il biancospino esula da questi utilizzi e non trova altre applicazioni se non quelle che abbiamo visto nel paragrafo precedente sulle proprietà officinali del biancospino
  3. Controindicazioni

    La tisana al biancospino rientra in quel gruppo di tisane il cui consumo è considerato generalmente innocuo e con un bassissimo se non nullo livello di tossicità; fatta eccezione per le solite categorie sensibili, donne incinta o che comunque stanno allattando e soggetti allergici, che dovrebbero sempre evitare il consumo di tisane al biancospino, la sola controindicazione per questa tisana riguarda i soggetti che seguono una terapia a base di farmaci betabloccanti, di derivazione digitalica o comunque ad azione calmante in quanto i principi attivi contenuti nel biancospino potrebbero facilmente aumentare in maniera imprevedibile gli effetti dei suddetti farmaci
Hai trovato utile questo post sulla tisana al biancospino?
Condividilo sui social network!
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606