ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Culotte de chevals: cause sintomi e cura


Culotte de chevals: cause sintomi e curaDi culotte de chevals, anche se indirettamente, ci siamo già trovati a parlare avendo affrontato in diversi altri post il tema della cellulite e della ritenzione idrica; anche se spesso si usa, per identificare questa condizione, il termine più generico di “cellulite” la culotte de chevals è una condizione ben specifica che andrebbe trattata in quanto tale. In questo post tenteremo di comprendere meglio che cos’è la culotte de chevals, quali sono le sue cause, come si possa riconoscere e quali sono i rimedi più efficaci per contrastare questo tipo di problema.

Che cos’è la culotte de chevals

Come accennato la culotte de chevals è sostanzialmente una forma di cellulite che, a sua volta, come abbiamo visto in diversi altri post, è una condizione causata dalla ritenzione idrica.
Più nello specifico la culotte de chevals è un accumulo adiposo nella zona dei fianchi caratterizzato dalla presenza di noduli sottocutanei e avvallamenti. In pratica si definisce culotte de chevals una forma di cellulite localizzata all’altezza delle anche (nella così detta zona trocanterica).

Culotte de chevals: Informazioni generali

Nella formazione della culotte de chevals la conformazione del corpo gioca un ruolo non trascurabile, molte donne infatti hanno, per costituzione, gambe snelle e fianchi larghi, questa conformazione, da un punto di vista meramente estetico, contribuisce ad accentuare la culotte de chevals;
fermo restando che la ritenzione idrica è a tutti gli effetti una patologia, non bisogna finire per “incaponirsi” a voler avere dei “fianchi stretti” se la propria conformazione fisica è differente, occorre invece saper accettare il proprio corpo per quello che è, fermorestando, lo ripetiamo, che la ritenzione idrica andrebbe sempre contrastata dal momento che si tratta, a tutti gli effetti, di una patologia.

  1. Cause della culotte de chevals

    Come detto, essendo la culotte de chevals una forma di cellulite, la principale causa di questa condizione è la ritenzione idrica; questo tipo di disturbo è causato da numerosi fattori, primo fra questi la sedentarietà (difficilmente chi pratica abitualmente sport può avere questo tipo di problemi), ma anche cattive abitudini alimentari e stili di vita errati (come il fumo o il consumo abituale di bevande alcoliche) incidono negativamente sull’insorgenza della culotte de chevals
  2. Culotte de chevals: i sintomi più comuni

    I sintomi della culotte de chevals sono quelli classici della cellulite, semplicemente localizzati in un determinato ambito anatomico (la zona dei fianchi) come abbiamo detto in apertura di questo post
  3. Come si diagnostica la culotte de chevals

    La culotte de chevals è semplicissima da diagnosticare e frequentemente sono le persone stesse ad essere affette da questo problema a rilevarlo attraverso la semplice osservazione del proprio corpo; bisogna considerare che la culotte de chevals va intesa essa stessa come un sintomo della ritenzione idrica quindi non bisogna cadere nell’errore di provare a curare il sintomo trascurandone la causa scatenante (la ritenzione appunto)
  4. Culotte de chevals: quando rivolgersi al medico

    Rivolgersi al proprio medico di fiducia in caso di culotte de chevals è senza dubbio una buona idea;
    anche se il trattamento di questo disturbo, come stiamo per vedere, può essere gestito direttamente dalla persona semplicemente adottando delle sane abitudini alimentari e dei corretti stili di vita, un colloquio con il medico di fiducia potrà risultare utile per identificare su quali comportamenti andare ad intervenire, come curare la propria alimentazione, e tanti altri consigli utili per contrastare nella maniera più efficace possibile la culotte de chevals
  5. Come si cura la culotte de chevals

    Per curare la culotte de chevals occorre adottare tutti quei comportamenti necessari per contrastare la ritenzione idrica; la prima cosa da prendere in considerazione sarà quindi la possibilità di iniziare a fare abitualmente attività sportiva, questo perché una delle principali cause della culotte de chevals è proprio la ridotta tonicità muscolare. Ovviamente anche l’alimentazione è fondamentale per contrastare la ritenzione, quindi l’ideale sarebbe smettere di consumare cibo spazzatura e iniziare a preparare dei pasti più sani, aumentando il consumo di frutta e verdura, alimenti che ci consentono di avere sempre una buona idratazione.
    Per chi possa permetterselo anche trattamenti come i massaggi localizzati, la sauna, i bagni termali sono tutti strumenti utili nella lotta contro la culotte de chevals

Rimedi naturali contro la culotte de chevals

Oltre al fare sport e curare l’alimentazione ci sono molti altri rimedi naturali utili contro la culotte de chevals, ad esempio le tisane drenanti sono utili per ridurre la ritenzione idrica; sono inoltre disponibili diverse creme ad uso topico utili per ridurre gli inestetismi causati dalla culotte de chevals, ovviamente nessuno di questi sistemi può essere considerato risolutivo nel trattamento di questo disturbo se non accompagnato dalla pratica abituale di attività sportiva e da una corretta alimentazione senza le quali, inutile a dirsi, nessuna sauna, massaggio o tisana drenante potrà rilevarsi utile per contrastare la culotte de chevals

Prevenzione della culotte de chevals

Per prevenire la ritenzione idrica e quindi il problema della culotte de chevals è fondamentale educare i ragazzi sin da giovane età ad un corretto stile di vita e ad una sana alimentazione; i ragazzi abituati a praticare sport e a mangiare correttamente sin da giovani tendono a conservare queste abitudini anche da adulti e questo risulta fondamentale per prevenire l’insorgenza della ritenzione idrica e delle varie patologie correlate

Cosa fare in caso di culotte de chevals

In caso si siano già manifestati i sintomi che caratterizzano la culotte de chevals occorre evitare di perdere tempo in cerca di soluzioni miracolose che permettano di eliminare il sintomo (l’inestetismo) senza porsi il problema di come trattare la patologia (cioè la ritenzione). Come ampliamente ripetuto tutti i rimedi come le tisane e i centrifugati drenanti, i massaggi, le saune, le creme, se presi da soli, non sono in grado di portare risultati soddisfacenti nel trattamento della culotte de chevals.
Al contrario, chi dovesse decidere di prendere di petto la situazione, iniziando a praticare abitualmente sport e migliorando la propria alimentazione ha ottime possibilità di riuscire, se non a liberarsi per sempre della culotte de chevals, quanto meno di contrastarla in maniera efficace.

Hai trovato utile questo post sulla culotte de chevals?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606