Sbiancare i denti: cosa sono e come funzionano le strisce sbiancanti


Sbiancare i denti: cosa sono e come funzionano le strisce sbiancantiLe strisce sbiancanti per denti sono una delle soluzioni per lo sbiancamento dentale fai da te che più successo stanno riscuotendo negli ultimi anni; facili da utilizzare, accessibili in termini di costo, efficaci per quanto riguarda il risultato le strisce sbiancanti non sono però esenti da rischi (come avremo modo di vedere meglio nel corso di questo nostro post). Precisiamo sin da ora, a scanso di equivoci, che come Unadieta.It non ci sentiamo di consigliare il ricorso alle strisce sbiancanti, chi avesse questo genere di necessità, a nostro parere, farebbe bene a optare per una soluzione professionale (come ad esempio le mascherine sbiancanti) che, a un costo nemmeno tanto superiore, ci permettono di sbiancare i denti con la supervisione costante del nostro dentista.

Che cosa sono le strisce sbiancanti per i denti

Le strisce sbiancanti per denti non sono altro che delle strisce in polietilene da utilizzare quotidianamente (sono quindi usa e getta) e che servono per ripristinare un colore più naturale dei denti. Queste strisce (così come le mascherine sbiancanti, le penne e altri dispositivi simili) utilizzano un apposito gel a base di perossido di carbammide il quale veicola perossido d’idrogeno (l’agente sbiancante) sulla superficie del dente. Le strisce sbiancanti (che contengono perossido di carbammide al 6%) vanno applicate con cadenza quotidiana per un periodo di un paio di settimane (normalmente sono vendute appositamente in confezioni da 28 di cui 14 per l'arcata superiore e altrettante per quella inferiore) seguendo in maniera accurata le istruzioni per l’applicazione indicate sulla confezione.

Strisce sbiancanti denti: informazioni generali

Fin qui abbiamo capito che le strisce sbiancanti non sono altro che una soluzione fai da te che consente l’applicazione sulla superficie dentale di perossido di carbammide, una sostanza capace di veicolare il perossido d’idrogeno (l’agente che effettivamente sbianca i denti) e di restituire diverse tonalità di bianco al nostro sorriso. Mentre soluzioni professionali (come le mascherine ad esempio) richiedono comunque l’intervento di un dentista le strisce sbiancanti possono essere acquistate tranquillamente in qualunque farmacia o in diversi negozi on line, tuttavia questo non deve far credere che si tratti di dispositivi esenti da ogni tipo di rischio, ma di questo ci occuperemo meglio, insieme a molte altre cose, nel corso dei prossimi paragrafi

  1. Come usare correttamente le strisce sbiancanti denti

    Le strisce sbiancanti sono coperte da una plastica (un po’ come con le figurine) che va ovviamente tirata via prima di applicare la striscia; ogni confezione, oltre a 28 strisce sbiancanti (14 per l’arcata superiore e altrettante per quella inferiore) contiene anche un antiscivolo che consente di aiutarsi per applicare correttamente la striscia sui denti (evitando il contatto con le gengive). La striscia va indossata per un’ora e rimossa; a quel punto ci si potrà lavare i denti per rimuovere eventuali residui di gel.
  2. Strisce sbiancanti: il ruolo del dentista

    Il problema con le strisce sbiancanti è che il dentista non interviene mai; la persona acquista autonomamente questi dispositivi e altrettanto autonomamente li utilizza spesso senza fare alcune valutazioni importanti sullo stato di salute di denti e gengive. Le strisce sbiancanti, ad esempio, andrebbero evitate in presenza di problemi gengivali, tuttavia spesso le persone decidono di utilizzare questi dispositivi senza fare questo genere di valutazioni, anzi, spesso decidono di acquistarli proprio perché non hanno i soldi per rivolgersi al dentista, cosa sbagliatissima in realtà, come avremo modo di capire meglio nei prossimi paragrafi
  3. Vantaggi delle strisce sbiancanti denti

    I vantaggi delle strisce sbiancanti per denti riguardano anzi tutto il loro rapporto efficacia/prezzo; si tratta di dispositivi realmente efficaci e che permettono di sbiancare i denti con un costo realmente irrisorio (tanto più se paragonato a uno sbiancamento professionale). Ma i vantaggi sostanzialmente iniziano e finiscono con questo, per il resto queste strisce non migliorano la salute dei denti, si limitano a migliorarne l’estetica (e solo per la porzione anteriore di dente)
  4. Sbiancare i denti: svantaggi delle strisce sbiancanti

    Il principale svantaggio delle strisce sbiancanti è costituito dal fatto che alcune persone potrebbero essere portate a bypassare il dentista preferendo (in luce anche del forte risparmio) ricorrere a questo tipo di dispositivi; il risultato è che se la facciata del dente apparirà certamente bianca e sana la porzione posteriore potrebbe essere in condizioni anche profondamente diverse. Il ricorso all’ablazione del tartaro e alla pulizia professionale del dentista rimane inderogabile, queste strisce sbiancanti possono avere solo una funzione estetica e, in determinati casi (come vedremo nel prossimo paragrafo) potrebbero persino finire con l’arrecare danno alla persona che le usa senza cognizione di causa.
  5. Controindicazioni alle strisce sbiancanti denti

    Iniziamo subito col dire che le strisce sbiancanti non andrebbero mai usate durante la gravidanza o dai minori di 12 anni. Detto questo la principale controindicazione alle strisce sbiancanti è che in assenza di una pulizia professionale dei denti placca e batteri restino intrappolati sulla superficie dentale favorendone il deterioramento; particolare accortezza, poi, andrebbe rivolto all’agente sbiancante utilizzato dalle strisce dal momento che ve ne sono alcuni (come il biossido di cloro) che potrebbero danneggiare lo smalto dei denti in maniera irrimediabile. Il rischio di danno allo smalto, poi, esiste a prescindere dall’agente sbiancante impiegato se il dispositivo (le strisce in questo caso, ma vale anche per le mascherine o le penne sbiancanti) non viene utilizzato seguendo in maniera scrupolosa le indicazioni del produttore

Strisce sbiancanti denti: dove comprarle

Le strisce sbiancanti per denti possono essere comprate un po’ ovunque, dalle farmacie alle parafarmacie, passando per i vari negozi on line; se hai deciso di provare delle strisce sbiancanti, in ogni caso, il nostro consiglio è di parlarne preventivamente con il tuo dentista, di modo da evitare qualunque tipo di rischio ed evitare di acquistare un prodotto a scatola chiusa

Costo delle strisce per sbiancare i denti

Le strisce sbiancanti, come abbiamo avuto modo di accennare, hanno un costo mediamente molto accessibile; on line se ne possono trovare a partire dai 10€, presumibilmente nelle farmacie potrebbero avere un costo superiore ma, in ogni caso, per acquistare le nostre strisce sbiancanti per denti possiamo preventivare una spesa non superiore ai 20€

Strisce sbiancanti denti: conclusioni

Le strisce sbiancanti sono dei dispositivi che consentono l’applicazione di un agente sbiancante (perossido di carbammide) sulla superficie dei denti; questi prodotti, molto in voga oggi, pur essendo efficaci non possono essere usati da tutti, la precondizione, infatti, è che ci sia comunque sottoposti a una pulizia dentale professionale e completa, che i denti siano sani e non intaccati da carie e che anche le gengive siano in buona salute. L’uso senza cognizione di causa delle strisce sbiancanti, quindi, potrebbe anche finire col danneggiare lo smalto dentale; questo non dipende dal dispositivo in se ma dall’uso che alcune persone potrebbero facilmente farne, per questo motivo, se stai valutando la possibilità di ricorrere alle strisce sbiancanti, ti consigliamo preventivamente di parlarne col tuo dentista il quale saprà certamente consigliarti la soluzione per sbiancare i denti più adatta alle tue esigenze

Hai trovato utile questo post sulle strisce sbiancanti per denti?
Condividilo sui social network

EFFETTUA LA TUA RICERCA

Sei qui
CATEGORIA WELLNESS
Condividi sui social Condividi su facebook Condividi su google plus
Feed Rss categoria wellness
FEED RSS WELLNESS
Segnala un errore Diventa partner unadieta.it
indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

IL TUO PESO ESPRESSO IN KG
LA TUA ALTEZZA ESPRESSA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

Visita la nostra community dedicata al wellness Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su