ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Tisana alla lavanda: mille usi per infusi e decotti


Scopri come preparare una tisana, un infuso o un decotto alla lavanda

La tisana alla lavanda, come vedremo in questo post, è un vero tocca sana per la nostra salute; oltre ai normali usi della lavanda, come tisana, possiamo usare questa pianta anche per preparare impacchi utili per diversi scopi. Questa pianta appartiene alla famiglia delle Lamiaceae che raccoglie oltre 50 specie, originaria della Provenza, il suo uso si diffonde sin dal medioevo periodo durante il quale la lavanda veniva usata prevalentemente per l’igiene della persona e proprio da quest’uso deriva il nome con cui comunemente chiamiamo questa pianta, lavanda appunto, perché in antichità la lavanda veniva usata prevalentemente per “lavare” il corpo. Le proprietà della lavanda, come abbiamo accennato, erano note sin dall’antichità tanto che possiamo certamente dire che questa pianta è senza dubbio fra le più versatili fra tutte quelle usate dall’uomo; ha proprietà benefiche sia per la salute, come vedremo, ma è ampliamente utilizzata anche in cosmetica e come pianta officinale. La lavanda, quindi, può essere impiegata sia ad uso “interno”, come bevanda quindi sotto forma di infuso, decotto o tisana, ma anche ad uso “esterno” per produrre impacchi utili per diversi scopi, come vedremo nel corso di questo post; amplia diffusione, infine, ha la lavanda sotto forma di olio essenziale i cui impieghi sono molteplici e che impareremo a conoscere meglio e più dettagliatamente nel corso di questo post

Tisana alla lavanda: come preparare infusi e decotti

Chi ci segue sa che a questo punto, prima di entrare nel vivo delle proprietà della tisana alla lavanda, ci corre l’obbligo di definire la differenza fra tisana, infuso e decotto alla lavanda; contrariamente all’uso comune in cui questi tre termini vengono usati indifferentemente per definire qualunque bevanda all’estratto di lavanda, gli infusi, i decotti e le tisane a base di lavanda non sono la stessa cosa.
Si definisce quindi tisana, invece che decotto o infuso, alla lavanda una bevanda a base di estratti da questa pianta in base alla quantità di eccipiente (o estratto di lavanda) usata per preparare la bevanda per litro di acqua;
definiremo quindi una bevanda rispettivamente, tisana, infuso o decotto alla lavanda all’aumentare del principio attivo presente nella stessa.
Adesso che abbiamo capito la differenza fra tisana, decotto e infuso alla lavanda andiamo a vedere di cosa abbiamo bisogno per preparare la nostra tisana alla lavanda

La tisana alla lavanda: cosa ti serve

Per preparare un decotto, un infuso oppure una tisana alla lavanda ti serviranno:

  1. Fiori di lavanda: facilmente reperibili in commercio
  2. Acqua: che è l’ingrediente fondamentale di ogni tisana, infuso o decotto
  3. Un colino: vedremo più avanti perchè
  4. Un pentolino: un pentolino (oppure anche un bollitore)

La tisana alla lavanda: come prepararla

Per preparare la nostra tisana, piuttosto che un infuso o un decotto a base di lavanda dobbiamo, per prima cosa, rifornirci dei fiori di lavanda dalla nostra erboristeria di fiducia; tuttavia, essendo questa pianta molto facile da coltivare, potresti decidere di iniziare a coltivarla tu stesso (può essere tranquillamente cresciuta in vaso) ed in questo modo avrai sempre a portata di mano i tuoi fiori di lavanda freschi e pronti all’uso.
La preparazione della tisana alla lavanda è davvero semplice, infatti ti basterà:

  1. Preparare uno o due cucchiaini di fiori alla lavanda per ogni tazza di tisana
  2. Mettere l’acqua a bollire in un pentolino
  3. Quindi aggiungere i fiori di lavanda (uno o due cucchiaini per ogni tazza)
  4. Lasciare a bagnomaria per 10/15 minuti
  5. Filtrare la tisana alla lavanda con un colino
  6. La tisana alla lavanda è leggermente amara, tu consumala così, senza aggiungere zucchero o dolcificanti

Tisana alla lavanda: per cosa è indicata

La lavanda, come abbiamo accennato, è una pianta ricca di proprietà, può essere usata per preparare una tisana, un infuso o un decotto (quindi ad uso orale) o ad uso esterno (per preparare impacchi e soluzioni per risciacqui) ; come tutte le tisane (ma vale anche per gli infusi e i decotti alla lavanda) ha un apporto calorico particolarmente basso e questo ti permette di consumarla tranquillamente anche se stai seguendo una dieta.
Le tisane, gli infusi e i decotti alla lavanda hanno molteplici effetti benefici sulla nostra salute, andiamo a scoprire insieme quali

Proprietà, benefici e controindicazioni della tisana alla lavanda

Adesso che siamo in grado di preparare la nostra tisana alla lavanda andiamo a vedere più nel dettaglio quali sono i benefici per la salute e per il benessere in generale, oltre che le eventuali controindicazioni, relativi al consumo di una tisana alla lavanda

  1. Tisana alla lavanda: benefici per la salute

    Una tisana alla lavanda è un valido alleato per la nostra salute, questa pianta infatti è ricca di effetti benefici per il nostro corpo e le sue proprietà erano note già in epoca romana.
    Non dilunghiamoci quindi oltre e scopriamo subito quali sono i benefici della tisana alla lavanda per la nostra salute
    1. Funzioni carminative: la tisana alla lavanda ha proprietà digestive e viene usata spesso come rimedio naturale contro la flautulenza e l’inappetenza
    2. Antinfiammatorio: è possibile preparare un decotto alla lavanda per pulire ferite, piccoli tagli o per alleviare la sensazione di prurito dovuta ad irritazioni cutanee o punture di insetti
    3. Contro i disturbi del sonno: la tisana alla lavanda è molto rilassante, per questo viene ampliamente usata anche per trattare piccoli problemi di insonnia
    4. Contro il mal di testa: un altro uso tipico nella medicina tradizionale della tisana alla lavanda è per alleviare cefalee e mal di testa
  2. Le proprietà benefiche della tisana alla lavanda

    La tisana alla lavanda non è utile solo per trattare alcuni piccoli disturbi, come abbiamo appena visto, ma è anche un valido alleato per il nostro benessere in generale;
    infusi, decotti e tisane alla lavanda sono infatti indicati anche come:
    1. Rimedio contro l’alitosi: grazie alla sua funzione antibatterica la lavanda è indicata tra i rimedi migliori contro l’alitosi
    2. Cosmetico naturale: è possibile realizzare profumi naturali usando olio essenziale di lavanda o magari preparando degli infusi o dei decotti da usare sotto forma di impacchi
    3. Detergente naturale: la lavanda, come detto, veniva usata in antichità per preparare saponi e detergenti per la pelle e, ancora oggi, molte persone usano infusi, decotti e tisane alla lavanda per l’igiene personale
  3. Tisana alla lavanda: controindicazioni

    La tisana alla lavanda non presenta particolari controindicazioni al consumo se non, come per ogni tisana, infuso o decotto, in presenza di intolleranze o allergie pre-esistenti; come al solito, almeno per le donne incinta o in allattamento, consigliamo sempre di consultare il proprio medico curante prima di iniziare ad assumere abitualmente una tisana alla lavanda.
Hai trovato utile questo post sulla tisana alla lavanda?
Condividilo sui social network!
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606