Il cortisolo, l’ormone dello stress: cosa succede nel nostro corpo quando ne produciamo troppo


Il cortisolo, l’ormone dello stress: cosa succede nel nostro corpo quando ne produciamo troppoIn alcuni periodi nonostante la grande attenzione che riponiamo nella nostra dieta, nonostante i grandi sacrifici che facciamo nelle nostre sessioni sportive, può capitare che, se il nostro obiettivo è il dimagrimento, non riusciamo a perdere neanche un grammo. Eppure siamo stati dal nutrizionista, per cui la dieta è stata progettata appositamente per noi, e, a dirla tutta, alcuni risultati apprezzabili li avevamo anche ottenuti. Alla dieta abbiamo anche abbinato delle regolari sessioni in palestra e l’istruttore ha creato una scheda che mirasse proprio a dimagrimento e tonificazione. Nonostante i passi giusti mossi verso la direzione della perdita di peso, ora non riusciamo più a perdere neanche un grammo quando saliamo sulla bilancia. Un possibile responsabile di questa mancanza di risultati è il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress.

Che cos’è il cortisolo

Il cortisolo è la risposta del nostro corpo a situazioni di intenso stress come possono essere appunto una dieta troppo restrittiva, o peggio ancora un digiuno, allenamenti troppo intensi, dure preparazioni ad un esame, un’operazione chirurgica, insomma eventi molto logoranti per il nostro corpo. Le conseguenze che questo ormone ha sul nostro corpo sono fondamentalmente 3:

  1. Aumento della glicemia
  2. Aumento della gittata cardiaca (il cuore pompa sangue più intensamente)
  3. Azione anti-infiammatoria

Fino a che la produzione di questo ormone rientra in valori normali, tutto funziona perfettamente. Infatti questo tipo di compensazione del nostro organismo evita che le situazioni nuove e stressanti, possano mettere in difficoltà il nostro corpo. I problemi nascono quando c’è un’eccessiva produzione di cortisolo.

Eccesso di cortisolo o ipercortisolemia: problematiche

Il cortisolo è un autentico spauracchio per i frequentatori delle palestre o comunque per chi si allena in maniera molto intensa, in quanto, come abbiamo visto, può impedire il raggiungimento del peso ideale, oppure addirittura può incidere nella perdita della massa magra, cioé i muscoli (catabolismo muscolare). Altra conseguenza spiacevole che può condizionare negativamente la nostra vita è il fatto che un’eccessiva produzione di cortisolo può incidere anche sul nostro sonno. Può capitare soprattutto dopo delle sessioni sportive molto intense, ad esempio. Tornati a casa alla sera, seppure molto stanchi, al momento di dormire, quello che magari abbiamo desiderato di fare tutto il giorno ci viene impedito. Questo non corrisponde a ciò che dovrebbe avvenire normalmente, ovviamente. Infatti la produzione del cortisolo segue un determinato ritmo giornaliero (ritmo circadiano), cioé ne viene prodotto di più la mattina, per aumentare di conseguenza la glicemia e farci avere zuccheri disponibili da trasformare in energia per iniziare la nostra giornata. Man mano che passano le ore, di norma i livelli di questo ormone dovrebbero abbassarsi, fino al minimo serale dove invece si dovrebbero alzare quelli della melatonina, cioé l’ormone che il nostro corpo produce per farci riposare meglio. Se non vengono ristabiliti i corretti livelli di cortisolo nel nostro corpo le conseguenze possono avere ripercussioni importanti sul nostro organismo e quindi sulla nostra vita. Le principali conseguenze dell’eccessiva produzione di cortisolo possono essere:

  1. Difese immunitarie basse
  2. Stanchezza continua
  3. Difficoltà a dormire (la melatonina diminuisce)
  4. Aumento del peso (specie intorno all’addome)
  5. Ansia e depressione
  6. Osteoporosi
  7. Ipertensione
  8. Influenza la tiroide
  9. Riduce la sintesi del collagene (rughe e pelle vecchia)
  10. Problemi di apprendimento e memoria
  11. Difficoltà gastro-intestinali
  12. Cefalea
  13. Ferite che rimarginano lentamente
  14. Calo libido
  15. Infezioni ricorrenti

Per non arrivare a questi eccessi cerchiamo allora di mettere in pratica alcuni importanti accorgimenti, specialmente nella nostra dieta, che possono aiutarci a mantenere sotto controllo il famigerato ormone dello stress.

Ristabilire i corretti livelli di cortisolo

Come abbiamo visto, livelli troppo alti di cortisolo possono condurre il nostro organismo a vivere diversi e importanti disagi. A questa eccessiva produzione di tale ormone, però, possiamo mettere un freno lavorando su più fronti. Vediamo assieme dove e come possiamo intervenire:

  1. Non eccedere con lo sport (2/3 volte a settimana)
  2. Fare più pasti durante la giornata (almeno 5)
  3. Alimenti a basso indice glicemico
  4. Anti-ossidanti come la vitamina E (olii vegetali)
  5. Ferro e selenio (legumi)
  6. Magnesio e zinco (mandorle, noci, anacardi, fegato...)
  7. Omega 3 e 6 (pesce, noci, olio di lino)
  8. Vitamina C (kiwi, agrumi)
  9. Triptofano (precursore della serotonina, l’ormone della felicità)
  10. Bere té nero
  11. 2 litri di acqua al giorno
  12. no caffé ed alcool

Possiamo sia prendere integratori che contengono le sostanze indicate sopra, ma soprattutto occorre utilizzare alimenti che siano ricchi di tali elementi. Alla lista soprastante negli ultimi anni si è diffuso l’utilizzo di un integratore a base di fosfatidilserina, un estratto della soia. Si tratta di una sostanza nota per avere ottimi effetti sulle capacità mnemoniche e cognitive e ultimamente salita alla ribalta per la capacità di normalizzare i livelli di cortisolo. Ovviamente prima di apportare qualunque modifica alla nostra dieta seguendo i consigli qui presenti, è sempre opportuno confrontarsi col proprio medico, o col nutrizionista che eventualmente ci sta seguendo, in maniera tale da modificare, secondo le proprie esigenze, il regime alimentare più adatto a noi.

Posto scritto dalla Dr. Antonello Izzo in collaborazione con DietaSemplificata.Com

EFFETTUA LA TUA RICERCA

Sei qui
CATEGORIA ALIMENTAZIONE
Condividi sui social Condividi su facebook Condividi su google plus
Feed Rss categoria alimentazione
FEED RSS ALIMENTAZIONE
Segnala un errore Diventa partner unadieta.it
indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

IL TUO PESO ESPRESSO IN KG
LA TUA ALTEZZA ESPRESSA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

Visita la nostra community dedicata all'alimentazione Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su