Pomodori per combattere il cancro


pomodori

I pomodori, giusto per sfatare un mito, contrariamente a quanto la maggior parte delle persone pensa, sono frutti non verdure;
la capacità dei pomodori di combattere l'insorgenza del cancro è dovuta principalmente alla presenza del licopene, che è il pigmento che conferisce al pomodoro il suo colore rosso vivo.
Fondamentale per realizzare una maggior concentrazione di questo pigmento è cuocere il pomodoro, questo perchè il licopene presente nel pomodoro viene liberato proprio dal processo di cottura;

un risultato ancora migliore può essere ottenuto se il processo di cottura avviene in presenza di molecole grasse, usate quindi quello che non esitiamo a definire uno degli alimenti principi della tradizione enogastronomica italiana, l'olio di oliva, quando cuocete la vostra salsa di pomodoro. Il licopene è la molecola chiave nella capacità del pomodoro di prevenire l'insorgenza di tumori e, per quanto il suo meccanismo di azione sia ancora per certi versi oscuro, è ormai noto che si tratta di un potente antiossidante;
in particolare alcuni studi epidemiologici italiani, spagnoli e messicani (tre paesi in cui è piuttosto diffuso l'uso del pomodoro in salsa nell'alimentazione quotidiana) hanno dimostrato come in queste nazioni ci sia un'incidenza dei tumori prostatici nettamente inferiore rispetto ai paesi del nord Europa e agli USA, cosa che probabilmente può essere logica conseguenza del diffuso impiego della salsa di pomodoro nell'alimentazione quotidiana.

Visita la nostra community dedicata all'alimentazione
seguici su Twitter

SEGUICI SU TWITTER

seguici su facebook

SEGUICI SU FACEBOOK

Seguici su youtube

SEGUICI SU YOUTUBE

Seguici su Google Plus

SEGUICI SU GOOGLE PLUS