ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Ricette tipiche piemontesi: i piatti della tradizione


Tre ricette di piatti tipici piemontesi

Le ricette dei piatti tipici piemontesti sono caratterizzate dai sapori forti e netti che caratterizzano anche il paesaggio di questo territorio;
i piatti tipici piemontesi hanno il profumo pungente delle alpi, raccontano il freddo intenso di questo territorio, le ricette tipiche piemontesi con il freddo ci fanno proprio i conti, a tu per tu, e contro il freddo sembrano combattere una battaglia antica di profumi e di sapori.
Prima di entrare nel vivo di questo post e vedere quali sono le tre ricette di piatti tipici piemontesi che abbiamo scelto per rappresentare questa regione però, come al solito, fermiamoci un attimo ad esplorare quali sono le eccellenze dei prodotti tipici regionali che il Piemonte ci regala.

Ricette tipiche piemontesi: i prodotti locali da abbinare

Eravamo assolutamente consapevoli che, decidendo di scrivere un post sulle ricette tipiche piemontesi, non avremmo potuto esimerci dal presentare anche quelli che erano i prodotti locali d’eccellenza di questa regione;
anche perché sappiamo che normalmente chi decide di voler provare dei piatti tipici piemontesi, come di qualunque altra regione, spesso ha bisogno anche di qualche buon consiglio per abbinare adeguatamente, ad esempio, i giusti vini, salumi e formaggi tipici di quella determinata terra.
Prima di svelare quali sono le tre ricette di piatti tipici piemontesi che abbiamo scelto per raccontarvi questa regione andiamo a vedere quali sono i prodotti più tipici dell’enogastronomia piemontese

I vini da abbinare ai piatti tipici piemontesi

Prima di presentarvi i tre vini che abbiamo scelto come ideali da abbinare ai piatti delle ricette tipiche piemontesi vogliamo fermarci un attimo a fare una semplice considerazione; come potrete vedere, infatti, da questa regione vengono alcuni dei vini più famosi di tutto il paese e tra i più affermati nel mondo

  1. Barolo: prodotto sulle colline di Langa, nei pressi di Alba, è un vino dal colore granato, apprezzatissimo fra i nobili europei del XIX secolo, e dal sapore fruttato
  2. Barbera: questo vino è entrato di forza nella storia e nella cultura italiana, prodotto da un vitigno particolarmente resistente alle intemperie, assolutamente rappresentativo del carattere di questa regione e della sua tradizione agricola e rurale, la barbera (così vogliono si declini questo vino i puristi della lingua, al femminile) è finito persino nella storia della canzone popolare italiana (con Giorgio Gaber), insomma un vino operaia per un Italia operaia (quella che alcuni di noi si ricordano ancora)
  3. Barbaresco: è un vino ricavato da Nebbiolo, dal colore intenso e brillante, le cui origini risalgono ad epoca romana, un vino con una storia, un nome ed una tradizione che hanno attraversato i secoli per arrivare intatti fino a noi

Salumi e formaggi tipici piemontesi

Adesso che abbiamo giustamente riconosciuto merito alla grande tradizione enologica piemontese, possiamo passare ad esplorare il mondo dei formaggi e dei salumi tipici piemontesi (che sono altrettanto eccezionali)

  1. Mustardela: questo salume rientra nella famiglia dei così detti “salumi poveri” chiamati così perché ricavati dal recupero di tutti i tagli rimanenti della carne di maiale, e testimonia, come dicevamo prima, della tradizione contadina che animava questa regione fino a neanche poi molto tempo fa
  2. Tomino: è un formaggio a pasta bianca, può essere consumato sia fresco (è un formaggio spalmabile) sia cotto alla piastra o per addensare ed insaporire altri cibi (per esempio con l’uovo al tegamino), è ovviamente un prodotto tipico piemontese anche se così diffuso in tutto il paese da essere percepito, semplicemente, come un formaggio italiano
  3. Testun: è un formaggio tipico della provincia di Cuneo, a pasta semi dura, che originariamente veniva proodotto dal recupero di differenti tipologie di latte (di capra, di vacca, di pecora), un po’ come abbiamo visto per la mustardela, il testun è il suo esatto equivalente nel mondo dei formaggi

Prodotti d'eccellenza dell'enogastronomia piemontese

Chiudiamo quindi questo rapido excursus nel mondo dei prodotti locali da abbinare ai piatti di ricette tipiche piemontesi con qualche ultimo, imperdibile, consiglio

  1. Castagne di Cuneo: le castagne tipiche coltivate nella provincia di Cuneo, dal 2007, hanno ricevuto la qualifica di prodotto IGP (indicazione geografica protetta), sulla base di una tradizione antichissima che risale ai primi anni del 1100
  2. Tartufo: e qui basterebbe scrivere tartufo, punto, basta, il tartufo per eccellenza, infatti, nel mondo, è il tartufo bianco d’Alba che viene normalmente quotato centinaia di euro l’etto (basti pensare che sui siti dei produttori i prezzi sono indicati al grammo)
  3. Nocciole Piemonte: la nocciola Tonda Gentile Trilobata è la varietà tipica tradizionalmente coltivata in Piemonte (tra le province di Alessandria, Cuneo ed Asti) ed è uno dei tanti prodotti IGP che questa regione può vantare

Tre ricette e piatti tipici della cucina piemontese

Adesso che abbiamo imparato a conoscere i vini, i salumi e gli altri prodotti tipici del Piemonte possiamo finalmente svelare quali sono le tre ricette tipiche piemontesi che abbiamo scelto di presentare in questo post.

  1. Ricette tipiche piemontesi: Bagna cauda

    Si tratta di una delle ricette tipiche piemontesi più conosciute in Italia anche se, per la sua particolarità, questo piatto non ha mai trovato una grande diffusione fuori dai confini regionali;
    la bagna cauda, pur essendo un piatto piuttosto ricco, è abbastanza semplice da preparare, vediamo come

    Bagna cauda: ingredienti

    Acciughe (salate, 100gr) | Aglio (4 spicchi) | Burro (50gr) | Latte (una tazza) | Cardi (quanto basta) | Carota  (quanto basta) | Peperoni | Carciofi | Scarola (il cuore) | Rape bianche

    Bagna cauda: preparazione

    1. Affettare le verdure
    2. Raccogliere le verdure (crude) in forma circolare in un piatto (lasciando vuoto il centro)
    3. Quindi schiacciare l’aglio e metterlo a bagno nel latte (per un paio d’ore)
    4. Quindi recuperare l’aglio ed in una padella schiacciarlo fino ad ottenere una crema
    5. Aggiungere olio, burro, le acciughe, due cucchiai di panna e un po’ di noce moscata
    6. Cuocere a fuoco lento per qualche minuto (senza far bollire)
    7. Quindi servire sull’apposito fornello insieme alle verdure che i commensali potranno intingere nella bagna cauda
  2. Ricette tipiche piemontesi: Polenta dousa

    La polenta dousa, o polenta dolce, è una delle ricette tipiche piemontesi più antiche;
    del resto la polenta trova propria in questa regione una delle sue espressioni maggiori, vediamo quindi come preparare la nostra polenta dousa

    Polenta dousa: ingredienti

    Farina di mais (400gr) | Acqua (1Lt) | Farina 00 (100gr) | Uova (tre) | Zucchero (3 cucchiai) | Miele (5 cucchiai) | Noci (40gr) | Olio (EVO) | Sale (quanto basta)

    Polenta dousa: preparazione

    1. In un tegame a fuoco alto far bollire l’acqua
    2. Quindi aggiungere la farina (00 e di mais) mescolando di continuo per evitare grumi
    3. Cuocere per una quarantina di minuti (rimescolando di continuo)
    4. Lasciar raffreddare la polenta in un contenitore
    5. Rompere la polenta con le mani ed aggiungere due cucchiai di zucchero, due di miele, le noci e le uova
    6. Mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo
    7. Preparare un tegame con l’olio d’oliva per la frittura
    8. Con un cucchiaio raccogliere la polenta dousa è friggerla formando delle palline
    9. Quando ben dorate passarle nel miele e, successivamente, nello zucchero
    10. Servire bollente
  3. Ricette tipiche piemontesi: Vitel tonnè

    Anche noto semplicemente come vitello tonnato il vitel tonnè, in dialetto, è una delle ricette tipiche piemontesi ad aver riscosso maggior successo, e diffusione anche, in tutto il paese;
    pur non essendo un piatto particolarmente complicato da preparare richiede un po’ di tempo, vediamo quindi come preparare quest’ultima ricetta tipica piemontese

    Vitel tonnè: ingredienti

    Magatello (1kg) | Vino (1/2 bicchiere) | Aceto (1/2 bicchiere) | Cipolla (una) | Carota (una) | Alloro (una foglia) | Buccia grattugiata di agrumi (mezza di limone e mezza d’arancia) | Brodo di carne | Olio (EVO) | Tonno sott’olio (200gr) | Filetti d’acciuga (sott’olio, 4 o 5) | Uova sode (due) | Cetriolini (4 o 5) | Succo di limone (quanto basta) | Sale (quanto basta)

    Vitel tonnè: preparazione

    1. In un tegame preparare la carne, le bucce di agrumi, la cipolla, il vino, l’aceto, il sedano e gli altri odori
    2. Riempire quindi il tegame di brodo di carne e cuoce a fuoco basso
    3. Quando il brodo inizia a bollire aggiustare di sale e cuocere ancora per una quarantina di minuti
    4. Procedere intanto con la preparazione della salsa frullando le uova sode, il tonno, i cetriolini e le acciughe
    5. Quindi aggiungere olio e succo di limone per ottenere la consistenza della salsa
    6. Nel frattempo la carne dovrebbe essere pronta e si potrà quindi tagliarla a fette
    7. Condire ogni fettina con la salsa e servire ben calda
Hai trovato utile questo post sulle ricette, i piatti e i prodotti tipici piemontesi?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606