ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Nasce in Germania il food sharing: anche il cibo può essere condiviso


foodsharing

Chi ci segue sa bene che non perdiamo occasione per farci vanto della genialità italiana, lo abbiamo fatto parlando di RE-Food prima e del baratto cibo/spazzatura di Enna;
per quanto ci faccia male ammetterlo, però, anche i tedeschi non se la cavano affatto male in fatto di buone idee e quindi oggi vogliamo parlarvi di un'iniziativa molto interessante nata in questi giorni proprio in Germania.
Si tratta di un sito web dal nome foodsharing.de e, come probabilmente avrete intuito dal nome, si occupa di condividere cibo;

ebbene si, vista la crisi che attanaglia l'Europa, abbiamo imparato a condividere le auto, per gli spostamenti quotidiani, le case, per le vacanze, addirittura condividiamo i divani, per brevi soggiorni fuori città, quindi, si sono detti i nostri amici tedeschi (coi quali ci congratuliamo per la bella idea), perchè non condividere anche il cibo.
Nasce così il food sharing!
Abbiamo in più occasioni rimarcato come proprio il cibo, ed è paradossale in un mondo dove la fame colpisce e uccide più di miliardo di persone, sia una delle risorse più soggetta a sprechi, sulla base di questa semplice considerazione gli ideatori di questo sito si sono detti che, magari, visto che uno dei maggiori luoghi di spreco del cibo sono proprio le nostre case, bastava mettere in rete il cibo destinato ad essere buttato a breve affinchè qualcuno, più o meno bisognoso, si presentasse alla nostra porta a reclamarlo e pronto a consumarlo al posto nostro;
detto e fatto, hanno creato un sito, ed insieme, un idea completamente nuova ed innovativa, il food sharing!
Il sito è recentissimo, online da dicembre 2012, ed è sostanzialmente un portale attraverso il quale tutti possono offrire tutto quel cibo (dalla verdura alla birra) che altrimenti finirebbe nella spazzatura a chiunque sia, semplicemente, disposto ad andarselo a prendere.
Nonostante sia così giovane il sito dedicato al food sharing presenta già un'ottima offerta e coinvolge diverse città (Colonia, Amburgo e Monaco fra le altre);
ogni prodotto viene presentato segnalando la data di scadenza e i tempi massimi entro cui può essere prelevato.
Il sito, oltre che ai privati, si rivolge anche ai commercianti i quali, è risaputo, sono costretti a mandare al macero un gran quantitativo di merce, ancora buona, per il semplice fatto che la scadenza segnalata è troppo vicina per essere venduta.
Food sharing nasce come un'associazione, si sostenta per tanto attraverso le iscrizioni, decisamente accessibili, che vanno dai 60 euro dei privati fino ai 150 delle istituzioni.

Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606