ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Ginnastica antalgica: info e benefici

Ginnastica antalgica

La ginnastica antalgica, come vedremo nel corso di questo post, è una forma di esercizio fisico così detto “dolce” in quanto si basa sull’esecuzione di movimenti lenti ed armoniosi; sostanzialmente la ginnastica antalgica è una forma di ginnastica correttiva e risulta estremamente utile per correggere quegli errori posturali che sono alla base dell’origine di diversi dolori muscolari. Questo tipo di ginnastica può essere svolta tranquillamente anche in casa, il problema semmai è acquisire la giusta padronanza degli esercizi e dei movimenti da compiere dal momento che, come qualsiasi forma di ginnastica, anche quella antalgica, se fatta in maniera scorretta rischia di causare più danni che benefici.

Che cos'è la ginnastica antalgica

Ginnastica antalgica: info ed eserciziCome abbiamo accennato nel paragrafo precedente la ginnastica antalgica è una ginnastica correttiva il cui scopo è quello di aiutarci prevenire e curare quei dolori muscolari ed articolari che si manifestano col passare degli anni o che sono comunque imputabili a errori di vario tipo nella postura; la ginnastica antalgica è inoltre particolarmente utile per coloro che, a seguito di una prolungata inattività, volessero riprendere a fare attività fisica riducendo al minimo il rischio di infortuni correlati alla prolungata sedentarietà. Per questo motivo la ginnastica antalgica, pur essendo praticata soprattutto dalle persone un po’ più anziane, può essere, ed è, praticata anche dalle persone più giovani

Tutto quello che devi sapere sulla ginnastica antalgica

Dal momento che, come abbiamo visto, la ginnastica antalgica si pone come obiettivo principale il recupero di una buona elasticità e mobilità a livello articolare e muscolare, risulta evidente come questa forma di attività fisica si articoli prevalentemente attraverso esercizi di stretching senza ovviamente trascurare tutto l’aspetto riguardante la corretta respirazione. Detto questo vediamo più nello specifico quali sono i benefici, l’efficacia e le eventuali controindicazioni della ginnastica antalgica

Benefici della ginnastica antalgica

La ginnastica antalgica presenta una gran serie di benefici per il nostro organismo; per prima cosa ci aiuta a recuperare le sindromi dolorose a carico dei muscoli e delle articolazioni dovute a una cattiva postura o a particolari malattie degenerative come nel caso delle osteoartrosi. La ginnastica antalgica è inoltre un’attività fisica estremamente completa, dal momento che coinvolge tutta la muscolatura del corpo, migliora l’elasticità e la percezione del proprio corpo (favorendo quindi così il recupero degli errori di postura) ed è una forma di attività fisica adatta a tutti dai più giovani ai più anziani

Controindicazioni della ginnastica antalgica

La ginnastica antalgica non presenta alcuna controindicazione particolare, fatta eccezione ovviamente per quei casi in cui (a seguito di qualche patologia pregressa) una determinata persona si trovi impossibilità a svolgere qualunque tipo di attività fisica. Essendo una forma di ginnastica “dolce”, inoltre, la ginnastica antalgica presenta un basso rischio di infortuni, ovviamente se correttamente eseguita, ed essendo una ginnastica sostanzialmente a corpo libero che non presuppone una crescita importante della massa muscolare risulta particolarmente adatta anche ai bambini che potranno quindi, iniziando a praticarla, migliorare la loro postura e migliorare la percezione del proprio corpo

Efficacia della ginnastica antalgica

La ginnastica antalgica si dimostra assolutamente efficace per il miglioramento della qualità della vita in particolar modo degli anziani, i quali, praticandola abitualmente, possono lenire i dolori muscolari ed articolari dovuti all’avanzamento dell’età, mantenendo al contempo una buona tonicità muscolare, cosa che diventa sempre più fondamentale man mano che passano gli anni. La ginnastica antalgica risulta poi particolarmente efficace per risolvere errori di postura, come abbiamo ampliamente ripetuto, e risolvere quindi le sindromi dolorose correlate a questo genere di problemi

Ginnastica antalgica: esercizi e informazioni

Anche se la ginnastica antalgica può essere tranquillamente praticata in casa ti consigliamo di evitare di farlo, soprattutto se sei agli inizi; molto meglio rivolgersi ad un professionista di modo da poter contare sul supporto di una persona competente che sia capace di seguirti mentre esegui gli esercizi correggendo gli eventuali errori che potresti fare mentre ti alleni. Una volta acquisita padronanza ed esperienza nello svolgere i vari esercizi di ginnastica antalgica che avrai imparato potrai quindi iniziare a fare da solo senza correre il rischio di procurarti danni di qualunque tipo a causa di uno o più esercizi svolti in maniera non corretta.

Attrezzi usati nella ginnastica antalgica

Come abbiamo già avuto modo di spiegare la ginnastica antalgica è sostanzialmente una ginnastica a corpo libero; vero che alcuni istruttori utilizzano nella loro attività attrezzi come nastri, rotoli, elastici, etc, tuttavia si tratta sostanzialmente di un metodo come un altro per tentare di rendere la routine degli esercizi meno monotona. La ginnastica antalgica può essere infatti svolta completamente a corpo libero e non è necessario acquistare alcuno attrezzo per praticarla.

Muscoli coinvolti nella ginnastica antalgica

La ginnastica antalgica, per la sua natura, coinvolge grosso modo tutti i muscoli del corpo ed è quindi un’attività assolutamente completa da praticare; ovviamente, in base alle specifiche esigenze di ognuno, si può decidere, insieme con l’istruttore, di lavorare prevalentemente su una determinata fascia muscolare invece che su un’altra. Nel caso delle persone con problemi alla schiena, per esempio, si può decidere di lavorare con maggior attenzione sulla fascia lombare e addominale; spetterà sempre e comunque all’istruttore (o al fisioterapista) in base allo stato di salute complessivo della persona, stabilire il metodo migliore di allenamento

Esercizi tipo della ginnastica antalgica

Al fine di evitare che qualcuno possa tentare di replicare alcuni esercizi in casa finendo per farsi del male abbiamo deciso di non entrare troppo nel dettaglio nel descrivere i vari esercizi che si possono fare per la ginnastica antalgica. Si tratta in ogni caso di una cinquantina di esercizi pensati per aumentare l’elasticità, migliorare la tonicità, correggere eventuali errori di postura e favorire una corretta respirazione. Normalmente la ginnastica antalgica andrebbe fatta tre volte a settimana (a giorni alterni) ed ogni seduta dovrebbe durare non meno di 40 minuti e non più di 60, è importante inoltre variare la tipologia di esercizi per coinvolgere tutta la muscolatura nell’allenamento.

Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606