Fistola gengivale: cause, sintomi e cura

cause, sintomi e cura della fistola gengivale

La fistola gengivale, come vedremo nel corso di questo post, è uno di quei disturbi a carico del cavo orale che non deve essere in alcun modo trascurato perché può evolvere in molti modi differenti e degenerare a tal punto da rendere necessaria l’asportazione del dente; si tratta, ovviamente, di un caso limite, normalmente è possibile trattare una fistola gengivale tempestivamente ed evitare ogni tipo di complicazione, tuttavia è opportuno rimarcare come, in caso di fistola gengivale, sia importante rivolgersi quanto prima al proprio dentista di fiducia

Che cos'è una fistola gengivale

La fistola gengivale è una lesione localizzata appunto sulla gengiva dovuta ad un’infezione, ma ci sono anche fistole che colpiscono direttamente il dente (fistole dentali); le cause di questa infezione, e della conseguente fistola gengivale, possono essere differenti, come vedremo in uno dei prossimi paragrafi, si tratta comunque sempre di un’infezione e come tale va trattata tempestivamente facendo attenzione a non confondere la lesione (che normalmente si presenta sottoforma di una piaga o di una vescicola di colore rosso) per un semplice trauma o “infortunio” perché, come detto, una fistola gengivale non opportunamente trattata può dare origine a complicazioni anche importanti

Informazioni generali

La fistola gengivale, come abbiamo visto, è una lesione che colpisce le gengive o i denti in seguito ad un’infezione, adesso che sappiamo questo tentiamo di capire insieme quali sono le cause, i sintomi e le cure più efficaci contro le fistole gengivali

Quali sono le principali cause della fistola gengivale?

Come detto la fistola gengivale è la conseguenza di un’infezione, la questione quindi è definire quali siano le cause che favoriscono l’infezione e, quindi, conseguentemente, la formazione della fistola gengivale; vediamo quindi insieme quali sono le principali cause di questo tipo di disturbo:

  1. Cattiva igiene orale: l’accumulo di tartaro e/o residui di cibo dovuto ad una insufficiente igiene orale è una delle prime cause di formazione delle fistole gengivali; una cattiva igiene orale, infatti, favorisce la proliferazione batterica nel cavo orale che è alla base delle infezioni che causano le fistole gengivali
  2. Interventi odontoiatrici: Un intervento mal riuscito può causare diversi problemi tra cui anche una fistola gengivale; è sufficiente anche una piccola lesione a consentire l’infezione
  3. Cattivi stili di vita: un consumo eccessivo di alcool e fumo altera sensibilmente la composizione batterica e il ph del cavo orale favorendo infiammazioni, lesioni e infezioni a livello sia gengivale che dentale
  4. Debilitazione immunitaria: se il sistema immunitario risulta debilitato le infezioni si propagano più facilmente e in maniera più aggressiva, per questo è importante avere corretti stili di vita, per mantenere sempre in efficienza il nostro sistema immunitario

I principali Sintomi della fistola gengivale

Il principale sintomo della fistola gengivale è il dolore, tuttavia in alcuni casi le fistole gengivali possono risultare asintomatiche, non si ha quindi alcun dolore e questa situazione può protrarsi anche a lungo mentre l’infezione dilaga aumentando i danni a carico dei denti coinvolti; in questi casi la fistola, proprio perché la persona non si rende conto del disturbo, può facilmente originare complicazioni anche importanti che possono rendere necessaria, nei casi peggiori, l’asportazione del dente.

Come si diagnostica il disturbo

La fistola gengivale viene diagnosticata dal dentista, che è la figura professionale più adatta a verificare che si tratti effettivamente di una questo tipo di disturbo e non di una banale lesione; è importante evitare di tentare un’auto diagnosi di una fistola gengivale perché si potrebbe finire col considerare irrilevante un disturbo che, come abbiamo visto, può, se trascurato, originare problemi ben più importanti

Cura e trattamento della fistola gengivale

La cura di una fistola gengivale può variare da caso a caso in base alla gravità dell’infezione ed altri aspetti specifici e soggettivi che possono variare di paziente in paziente; in linea di massima, comunque, il trattamento di una fistola gengivale prevede anzitutto il drenaggio dei liquidi (il pus) che riempie la fistola, laddove possibile, per prevenire il proliferare dell’infezione. Può capitare che le fistole gengivali finiscano con l’attaccare anche il dente (fistola dentale) in tal caso il dentista procede normalmente alla “terapia canalare” devitalizzando il dente e ripulendo i vari canali; in alcuni casi, per prevenire sia il rischio di recidive che quello di complicanze e favorire il recupero del disturbo, può essere necessaria una terapia antibiotica, sarà ovviamente il dentista a decidere il modo migliore di procedere per curare la fistola gengivale.

Cosa fare per prevenire il disturbo

Il miglior modo per prevenire il rischio di insorgenza di fistola gengivale è, ovviamente, avere una buona igiene orale e sottoporsi abitualmente (ogni 4/6 mesi) alle pulizie dentali; frequentare abitualmente il proprio dentista di fiducia permette infatti di fare una prevenzione efficiente contro ogni tipo di disturbo a carico non solo dei denti ma di tutto il cavo orale perché permette un monitoraggio continuo del quadro di salute del paziente e, in caso di disturbi, consente di intervenire tempestivamente per evitare così ogni tipo di possibile complicazione

Rimedi naturali contro le fistole gengivali

Le fistole gengivali sono causate, come detto, da un’infezione a carattere batterico, in quanto tali non vanno assolutamente trattate con rimedi naturali ma occorre seguire scrupolosamente le indicazioni del dentista di fiducia; vero che molte piante officinali hanno azione antisettica, antibatterica e disinfettante ma altrettanto vero che, visto il rischio di complicazioni, non ha alcun senso ricorrere a trattamenti naturali che potrebbero rivelarsi inefficaci e rappresentare una perdita di tempo nel trattamento tempestivo di questo tipo di disturbo. Soprattutto qualora si stesse seguendo un trattamento antibiotici è importante sospendere l’assunzione di qualsiasi rimedio naturale perché potrebbe interagire in maniera imprevedibile con i farmaci che si stanno assumendo vanificando il trattamento o causando complicazioni di diverso tipo

Quando rivolgersi al dentista

In caso di fistola gengivale occorre rivolgersi immediatamente al proprio dentista di fiducia anche perché, come detto, più tempo passa più l’infezione potrebbe propagare arrivando a danneggiare il dente o a creare, nei casi più gravi, complicazioni alla salute della persona anche importanti (come nel caso delle flebiti che, se pure estremamente rare, rientrano comunque fra le patologie che possono insorgere a seguito di complicazioni dovute ad insorgenza di una fistola gengivale o dentale)

Principali rischi e complicazioni

Il principale rischio di complicazioni correlato alle fistole gengivali riguarda la possibilità che l'infezione si estenda anche oltre il dente e la gengiva; potenzialmente infatti questo genere di infezioni, se non correttamente e tempestivamente trattate, potrebbero arrivare ad aggredire uno qualunque degli organi del nostro corpo. In poche parole, per farla semplice, il rischio di un'infezione, di qualunque infezione, è che questa si metta a "camminare"; ecco spiegato perchè con le fistole gengivali è meglio non scherzare e rivolgersi tempestivamente al proprio dentista, senza una cura specifica, infatti, questo genere di disturbi non potrà che continuare a peggiorare

Fistola gengivale: conclusioni

La fistola è un via di communicazione patologica che si forma per permettere al nostro organismo di espellere il pus e i liquidi conseguenti ad un'infezione; definiamo fistola gengivale, quindi, tutti quei casi in cui questo genere di lesioni venga a colpire la gengiva. Come ogni genere di infezione anche le fistole gengivali vanno curate con la massima tempestività dal momento che, se questo non avvenisse, il rischio concreto è che l'infezione continui ad aggravarsi fino a rendere necessaria l'asportazione del dente; se non curata, poi, l'infezione potrebbe estendersi anche ad altri organi del nostro corpo con conseguenze potenzialmente gravissime. Ovviamente non vogliamo fare terrorismo, per cui precisiamo che la fistola gengivale può essere tranquillamente curata senza particolari problemi a patto di rivolgerci con la massima tempestività al dentista di fiducia.

Hai trovato utile questo post sulla fistola gengivale?
Condividilo sui social network
Creato da La Redazione il 27/05/2015 Ultima revisione: 19/04/2017 Ultimo aggiornamento: 19/04/2017
Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su

EFFETTUA LA TUA RICERCA

Sei qui
CATEGORIA SALUTE
Condividi sui social Condividi su facebook Condividi su google plus
Feed Rss categoria salute
RSS CATEGORIA SALUTE
Segnala un errore Diventa partner unadieta.it
indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

IL TUO PESO ESPRESSO IN KG
LA TUA ALTEZZA ESPRESSA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

Visita la nostra community dedicata alla salute Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su