ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Fistola perianale: cause, sintomi e cura


Fistola perianale: cause, sintomi e curaLa fistola perianale è un disturbo che, oltre ad essere alquanto fastidioso, può rivelarsi particolarmente complicato da trattare per motivi che avremo modo di approfondire meglio nel corso di questo post; si tratta di un disturbo abbastanza frequente, anche se non poi così diffuso, che solo raramente può generare complicazioni rilevanti proprio perché, essendo la fistola perianale particolarmente fastidiosa, normalmente le persone che ne sono affette si rivolgono abbastanza tempestivamente al proprio medico di fiducia. In questo post tenteremo di capire meglio che cos’è una fistola perianale, quali sono le cause di insorgenza, i sintomi con cui si manifesta e le cure e i trattamenti più efficaci per trattarla

Che cos'è una fistola perianale

La fistola perianale è un’infezione che va a creare dei piccoli tunnel che mettono in comunicazione l’ano con la cute circostante; si definisce perianale in base al fatto che aggredisce esattamente la sede anatomica ano-rettale, ovviamente lo stesso tipo di infezioni può colpire diversi parti del corpo, in questo caso, quindi, la fistola avrà una denominazione differente (non più perianale, quindi, ma ad esempio gengivale, se colpisce ad esempio la gengiva). Una fistola perianale può essere denominata differente anche in base al percorso che ricava per mettere in collegamento lo sfintere con la cute addiacente, nello specifico definiamo:

  1. Fistole superficiali: quelle che colpiscono lo sfintere sia internamente che esternamente
  2. Fistole intersfinteriche: quelle poste tra la parte interna ed esterna dello sfintere e che possono arrivare sia a infettare la cute perianale verso l'alto o aprirsi nel retto
  3. Fistole transfinteriche: quelle che attraversano sia lo sfintere interno che quello esterno
  4. Fistole soprasfinteriche: quelle che attraversano tutto lo sfintere esterno e parte o tutto il muscolo puborettale
  5. Fistole extrasfinteriche: partono al di sopra dello sfintere anale interno e terminano nell'orifizio cutaneo esterno.

Fistola perianale: informazioni generali

Esistono diversi tipi di fistola perianale, distinguibili in base alla loro conformazione, nel dettaglio possiamo definire almeno tre differenti tipologie di fistole afferenti questo stesso disturbo:

  1. Fistola perianale rettilinea: questo tipo di fistola è la più semplice da trattare in quanto presenta un unico canalicolo (il tunnel che mette in comunicazione ano e cute circostante) di diramazione
  2. Fistola perianale a ferro di cavallo: in questo caso la fistola perianale collega la zona dello sfintere alla cute circostante passando prima attraverso il retto
  3. Fistola perianale con diramazioni: infine in quest’ultimo caso abbiamo più canali di collegamento aperti dalla stessa fistola

Dopo aver capito che cos’è una fistola perianale tentiamo di capire anche quali sono le cause, i sintomi e i trattamenti più efficaci contro questo tipo di disturbo:

  1. Cause della fistola perianale

    Come abbiamo avuto modo di dire la fistola altro non è che un’infezione e come tale può originarsi a partire da un intervento chirurgico mal riuscito, o a causa di altre infezioni (malattie sessualmente trasmissibili, ulcere, cancro, etc); tuttavia la fistola perianale si sviluppa normalmente in seguito ad un ascesso (sempre nella stessa sede anatomica) non trattato opportunamente; quindi la causa delle fistole perianali sono proprio gli ascessi.
    Questi, a loro volta, sono comunemente causati da piccole lesioni che ci si può facilmente provocare per sfregamento (usando per esempio la cartigienica) o anche banalmente con un’unghia durante l’igiene quotidiana. Occorre quindi essere particolarmente attenti, e delicati, quando ci si lava questa parte del corpo (anche prodotti per l’igiene particolarmente aggressivi possono contribuire a creare queste lesioni) onde evitare che un banale incidente possa degenerare in un ascesso prima e in una fistola perianale poi.
  2. Sintomi della fistola perianale

    Anche se normalmente una fistola perianale può rimanere asintomatica nelle prime fasi dell’infezione i sintomi non tardano a palesarsi e possono risultare particolarmente fastidiosi; tra questi i più comuni sono senz’altro
    1. Irritazione: l’irritazione è uno dei primi sintomi della fistola perianale, provocando prurito e gonfiore intorno l’ano
    2. Incontinenza: altro sintomo piuttosto tipico della fistola perianale è l’incontinenza fecale sottoforma di piccole perdite di pus, muco e feci
    3. Dolore: ovviamente il dolore, anche intenso, è una delle manifestazioni sintomatiche più tipiche di una fistola perianale
    4. Perdite: nell’evacuazione frequentemente i pazienti affetti da fistola perianale riscontrano la presenza di piccole tracce ematiche (perdita di sangue nelle feci), cosa che può facilmente allarmare chiunque dal momento che si tratta di un sintomo tipico di disturbi ben più gravi di una fistola perianale
    5. Febbre: non è rara la comparsa della febbre con picchi anche di 38/39° per quanto che, in questo tipo di infezione, i picchi di febbre vadano a riabbassarsi in maniera alquanto veloce si tratta comunque di un sintomo da non trascurare
  3. Diagnosi della fistola perianale

    Una fistola perianale è un disturbo relativamente facile da diagnosticare, ovviamente da parte di un medico competente; normalmente sono sufficienti un colloquio col paziente ed una rapida visita ambulatoriale per procedere alla diagnosi di questo tipo di disturbo tuttavia, per evitare successive complicazioni, può essere estremamente utile un esame ecografico per identificare i canali di collegamento (che come abbiamo visto possono essere più di uno) e che se non correttamente trattati durante l’intervento chirurgico potrebbero facilmente causare la formazione di nuovi ascessi
  4. Cura della fistola perianale

    Fermorestando che il trattamento più opportuno per trattare una fistola perianale può variare di caso in caso in base alla gravità dell’infezione e al tipo di fistola (se superficiale, intrasfinterica, etc), normalmente la cura più efficace contro questo tipo di disturbo e di carattere chirurgico;
    il trattamento antibiotico, invece, da solo si rivela frequentemente inefficace e viene solitamente utilizzato successivamente all’intervento chirurgico per prevenire il rischio di recidive o comunque per trattare fistole molto piccole (del diametro orientativamente inferiore ai 2cm)
  5. Convalescenza inseguito a fistola perianale

    Il periodo di convalescenza in seguito a una fistola perianale può variare da uno fino a un massimo di 7/10 giorni; ciò dipende sostanzialmente sia dal quadro clinico generale del paziente (in presenza di patologie pregresse l’ospedalizzazione è sempre caldeggiata) sia dal fatto che la fistola perianale possa essere più o meno estesa

Fistola perianale: complicazioni

Le complicanze di un’infezione possono essere diverse ed anche gravi, tuttavia essendo la fistola perianale un disturbo particolarmente fastidioso è estremamente raro che possano generarsi complicanze dovute al fatto di aver trascurato questo disturbo; la complicazione più frequente, invece, riguarda le recidive che sono, per lo più, dovute a diagnosi non accurate per cui in sede chirurgica non si provvede a drenare completamente il pus ripulendo tutti i vari canali di collegamento aperti dalla fistola. In questo modo l’infezione non viene completamente eradicata e il paziente si ritroverà, in breve tempo, a doversi sottoporre nuovamente allo stesso intervento; per questo motivo, come detto in uno dei paragrafi precedenti, spesso un’ecografia può rivelarsi estremamente utile per scongiurare il rischio di un intervento non perfettamente risolutivo ai fini della piena guarigione da una fistola perianale

Fistola perianale: prevenzione

Come detto la fistola perianale trova tra le sue prime cause la presenza di lesioni anche piccole, uno dei metodi di prevenzione più efficaci, quindi, contro questo tipo di disturbo riguarda direttamente l’igiene personale; è importante quindi evitare tutti quei comportamenti che possono favorire delle microlesioni come, ad esempio, sfregare con eccessivo vigore la zona anale con la carta igienica, usare prodotti per l’igiene troppo aggressivi, etc.

Rimedi naturali contro la fistola perianale

La fistola perianale, come qualunque altro tipo di infezione, non va assolutamente trattata con rimedi naturali, occorre invece seguire scrupolosamente le indicazioni del medico tanto più in presenza di un trattamento antibiotico che potrebbe interferire con l’assunzione di rimedi omeopatici; è possibile usare rimedi naturali per lenire la sensazione di irritazione tipica della fistola perianale ma sempre e solo previa consultazione del proprio medico di fiducia

Fistola perianale: quando rivolgersi al medico

E’ importante rivolgersi al proprio medico non appena si riscontrino i primi sintomi di una fistola perianale sia per evitare complicazioni ma anche per evitare che la fistola possa divenire più profonda rendendo quindi più complicato l’intervento (che di per se è abbastanza banale) favorendo così il rischio di recidive

Hai trovato utile questo post sulle fistole perianale?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606