ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Scintigrafia ossea: consigli e informazioni utili


Scintigrafia ossea: consigli e informazioni utiliLa scintigrafia ossea è un esame di medicina nucleare che viene usato comunemente in campo ortopedico ed oncologico; data la particolarità dell’esame, come vedremo meglio nel corso del nostro post, è importante che si ricorra a questo strumento diagnostico solo per i casi che sono “strettamente” necessari e si prediligano altri tipi di esami laddove ovviamente questo risulti possibile. Nel corso di questo post impareremo a cosa serve una scintigrafia ossea, in quali casi è utile ricorrere a questo esame, oltre che descrivere semplicemente in cosa consiste e come si effettua una scintigrafia ossea.

Scintigrafia ossea: a cosa serve

Come detto la scintigrafia ossea è uno strumento diagnostico impiegato in ambito oncologico e ortopedico; per quanto riguarda la diagnosi dei tumori ossei questo esame viene utilizzato per rilevare la presenza di metastasi o comunque di masse tumorali a livello dello scheletro, mentre in ambito ortopedico la scintigrafia ossea può risultare estremamente utile per identificare fratture o processi infiammatori di vario tipo che non dovessero risultare visibili attraverso le normali radiografie.

Scintigrafia ossea: informazioni generali

Dopo questa breve introduzione al tema della scintigrafia ossea in cui abbiamo appunto visto a cosa serva sostanzialmente questo tipo di esame entriamo nel vivo del nostro post e scopriamo altre informazioni utili per chi dovesse trovarsi nella necessità di sottoporsi a questo tipo di esame

  1. Quanto dura una scintigrafia ossea

    La scintigrafia ossea, a differenza ad esempio di quella miocardica, è un esame decisamente veloce; sono mediamente sufficienti una ventina di minuti per la rilevazione delle immagini. Durante questo periodo di tempo viene ovviamente chiesto al paziente di restare il più possibile fermo per ottenere la miglior rilevazione possibile, a parte questo particolare insignificante la scintigrafia ossea è un esame per nulla invasivo e che non deve incutere alcun tipo di ansia o preoccupazione
  2. Scintigrafia ossea: come prepararsi all’esame

    La scintigrafia ossea non comporta alcuna preparazione particolare per il paziente, semplicemente viene chiesto di spogliarsi di qualunque oggetto metallico (che potrebbe interferire negativamente con l’esame) e si consiglia di bere molto prima dell’esame di modo da aiutare l’organismo a liberarsi del farmaco somministrato.
  3. In cosa consiste una scintigrafia ossea

    Abbiamo detto che la scintigrafia ossea è un esame di medicina nucleare, tentiamo di capire un poco meglio di cosa si tratta; per questo esame al paziente viene somministrato per via endovenosa un farmaco così detto “tracciante” che consente, attraverso un particolare macchinario, di rilevare delle immagini dell’organismo. Attraverso queste immagini è quindi possibile identificare, ad esempio nel caso di pazienti oncologici, le masse tumorali a livello osseo; il farmaco utilizzato per questo tipo di esame, pur essendo leggermente radioattivo, non presenta, come vedremo meglio in uno dei prossimi paragrafi, nessuna considerevole controindicazione
  4. Scintigrafia ossea: dove farla e come richiederla

    La scintigrafia ossea, vista la sua importanza nella diagnosi di alcune patologie, è tra quegli esami che rientrano nell’offerta del sistema sanitario nazionale; occorre ovviamente farsi rilasciare l’impegnativa apposita dal proprio medico curante ma la cosa, qualora l’esame fosse realmente necessario, non costituisce di per se un ostacolo. Differente il discorso per quanto riguarda i tempi di attesa della sanità pubblica, che variano di città in città, e che potrebbero portare alcun persone, che avessero una particolare urgenza, a decidere di rivolgersi a una delle tante strutture private (convenzionate e non) che sono presenti ovunque in Italia.
  5. Scintigrafia ossea: il referto

    Il referto, che consiste nelle immagini rilevate attraverso la scintigrafia ossea, permette di rilevare l’accumulo della sostanza tracciante in corrispondenza delle lesioni ossee evidenziando così le diverse anomalie che possono riguardare lo scheletro umano; per una corretta interpretazione dell’esame è sempre bene affidare la lettura del referto al proprio medico curante ed astenersi dal provare a dare proprie interpretazioni anche per evitare un eventuale panico che potrebbe poi rivelarsi assolutamente immotivato

Scintigrafia ossea: precauzioni

Pur essendo la scintigrafia ossea un esame assolutamente sicuro, tanto sicuro che possono farlo anche i bambini, vuoi per la buona tolleranza dell’organismo umano al farmaco (che pur essendo leggermente radioattivo rimane, ribadiamo, assolutamente innocuo) vuoi perché il suo dosaggio è calibrato in base al peso corporeo, le persone che si sottopongono a una scintigrafia ossea dovrebbero comunque prestare alcune accortezze; si tratta delle solite precauzioni riguardo la vicinanza con bambini minori di 12 anni e donne in stato di gravidanza che, per motivi di sicurezza sanitaria, dovrebbero evitare per almeno 24/48 ore di avere rapporti stretti con i pazienti che si sono sottoposti a questo tipo di esame

Controindicazioni della scintigrafia ossea

Salvo le poche precauzioni che abbiamo appena riepilogato la scintigrafia ossea non presenta alcun tipo di controindicazione tanto che, come abbiamo già avuto modo di accennare, questo tipo di esame è pienamente accessibile anche ai bambini.

Effetti collaterali della scintigrafia ossea

Non è riportato alcun effetto collaterale inseguito al sottoporsi ad una scintigrafia ossea, il farmaco impiegato infatti, come riportato in uno dei paragrafi precedenti, è molto ben tollerato dall’organismo umano ed è estremamente raro che possa arrivare a originare una reazione allergica di qualunque tipo

Quanto costa una scintigrafia ossea

Il costo della scintigrafia ossea varia ovviamente in base al fatto che si decida di rivolgersi al sistema sanitario nazionale o ad una struttura privata; orientativamente, fatta eccezione per le fasce di reddito in esenzione, il costo del ticket per questo tipo di esame è di una trentina di euro, mentre rivolgendosi ad una struttura privata (evidentemente allo scopo di tagliare i tempi di attesa) una scintigrafia ossea può venire a costare un centinaio di euro.

Hai trovato utile questo post sulla scintigrafia ossea?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606