ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Gravidanza ectopica: sintomi, cause e informazioni sulla gravidanza intrauterina ed extruterina


Gravidanza ectopica: sintomi, cause e informazioni sulle gravidanza intrauterina ed extruterinaLa gravidanza ectopica rappresenta una delle cause di aborto spontaneo in maggior ascesa negli ultimi anni, se pure da un certo punto di vista si tratti di una condizione fortunatamente ancora abbastanza rara (si stima che circa meno del 2% degli aborti spontanei siano correlati ad una gravidanza ectopica) è anche vero che rispetto a soli 30 anni fa il numero di gravidanze ectopiche che hanno provocato aborti spontanei è sestuplicato e solo la diagnosi precoce (sempre più diffusa) ha consentito, dalla seconda metà degli anni ’90 in poi, di evitare che il quadro statistico risultasse oggi ancora più grave. In questo post tenteremo di capire che cos’è la gravidanza ectopica, quali sono le sue cause, i sintomi attraverso cui si manifesta, come viene diagnosticata e trattata questa condizione e tenteremo di dare ancora altre informazioni utili sulla gravidanza ectopica

Che cos’è la gravidanza ectopica

Si definisce ectopica, molto semplicemente, qualsiasi gavidanza nella quale l’ impianto dell’embrione abbia luogo in una sede differente dalla cavità uterina; come vedremo nei prossimi paragrafi esistono diverse classificazioni di questo disturbo che definiscono diversamente le varie situazioni in cui una gravidanza ectopica può avere luogo, per adesso accontentiamoci di questa prima definizione e limitiamoci a dire che si tratta di una condizione non particolarmente frequente (si stima possa riguardare un numero approssimativo di 15 gravidanze ogni 1000).

Gravidanza ectopica: informazioni generali

Adesso che abbiamo capito meglio che cosa significa il termine gravidanza ectopica proviamo ad essere più precisi e ad entrare nel merito delle varie casistiche che si possono riscontrare, spiegando la differenza tra gravidanza ectopica intrauterina e extrauterina, provando a definire le cause (o almeno i fattori di rischio) di questo tipo di disturbo, i sintomi attraverso cui si manifesta e come è possibile eventualmente trattare e diagnosticare un caso di gravidanza ectopica

  1. La gravidanza ectopica intrauterina

    Con il termine gravidanza ectopica intrauterina (o anche solo gravidanza intrauterina) si definisce quella condizione in cui l’impianto dell’embrione avviene all’interno dell’utero ma in una sede anatomica che ne pregiudica il corretto sviluppo (quindi ad esempio nel collo dell’utero, presso la cervice uterina, etc)
  2. La gravidanza ectopica extrauterina

    Quando invece l’impianto dell’embrione avviene fuori dall’utero si parla più specificatamente di gravidanza ectopica extrauterina. A seconda del particolare anatomico presso cui avviene l’annidamento dell’embrione avremo differenti classificazioni della gravidanza ectopica di tipo extrauterino, la più frequente di queste è certamente la gravidanza ectopica tubarica in cui l’annidamento dell’embrione avviene nelle tube di falloppio e che rappresenta da sola oltre il 90% delle gravidanze extrauterine. Più nel dettaglio, poi, a gravidanza tubarica si distingue ulteriormente in altre tre casistiche in base allo specifico punto di annidamento dell’embrione per cui si definirà gravidanza ectopica tubarica istmica (se l’annidamento avviene nella prima parte della tuba), interstiziale (se avviene in posizione centrale) e gravidanza ectopica ampollare (quando l’annidamento avviene nella parte più vicina all’ovaio). Più rare invece sono le gravidanze extrauterine ovariche e tubo-ovariche mentre è assolutamente rarissima la gravidanza extopica extrauterina di tipo addominale.
  3. Cause della gravidanza ectopica

    La causa principale di gravidanza ectopica è una preesistente condizione di danneggiamento delle tube (che a sua volta può avere origini differenti, da una banale appendicite fino a casi di malattie sessualmente trasmissibili); già solo questo particolare consente quindi di poter porre in essere una serie di strategie di prevenzione, come facilmente intuibile, ma di questo parleremo meglio in un paragrafo ad hoc. Detto questo molto spesso non è ancora possibile ricondurre un caso di gravidanza ectopica a delle cause ben precise per cui c’è certamente ancora molto da capire e da conoscere relativamente a questo tipo di condizione.
  4. Sintomi della gravidanza ectopica

    La sintomatologia attraverso cui una gravidanza ectopica può manifestarsi non è riconducibile ad un quadro univoco, si tratta di manifestazioni che possono variare di donna in donna in base a fattori soggettivi ed ovviamente anche in base al tipo specifico di gravidanza ectopica (se intrauterina o extrauterina per intenderci). Frequentemente comunque le donne che hanno vissuto problemi di questo tipo segnalano dolori a livello pelvico e addominale, casi di spotting (perdite di sangue), vomito, nausea, febbre. Non crediamo sia necessario ribadire come quello della gravidanza sia un periodo abbastanza delicato per cui, indipendentemente dal rischio di gravidanza ectopica, è sempre bene tenere al corrente il proprio medico di fiducia relativamente a qualunque problema si dovesse constatare, quindi anche in caso di dolori che potrebbero sembrare normali o persino attenuarsi nel tempo, ma è sempre meglio comunicarlo al proprio medico perché possa essere lui a fare tutte le valutazioni del caso.
  5. Cura e trattamento della gravidanza ectopica

    L’unico trattamento possibile in caso di gravidanza ectopica è di carattere chirurgico, i sintomi possono essere leniti con temporaneamente, ma la portata del problema richiede che venga trattato in maniera incisiva e quindi per via chirurgica. Gli interventi per sanare una condizione di gravidanza ectopica sono tipicamente in laparoscopia, non risultano quindi particolarmente invasivi per le pazienti, e risultano spesso perfettamente risolutivi del problema, tanto più in caso di diagnosi precoce che resta ad oggi la miglior arma contro la gravidanza ectopica

Rischi e complicazioni della gravidanza ectopica

I rischi di una gravidanza ectopica sono tutt’altro che trascurabili, riguardano prevalentemente il feto (come accennato quasi il 2% degli aborti spontanei sarebbero riconducibili a questa condizione) e sebbene la mortalità materna in seguito a gravidanza ectopica sia un’eventualità fortunatamente molto rara non per questo può essere sottovalutata. E’ quindi fondamentale, ai fini di una diagnosi precoce, seguire con costanza tutte le visite periodiche previste e dialogare in maniera costruttiva col proprio medico di fiducia, segnalandogli anche quei particolari che a noi potrebbero sembrare banali ma che per lui potrebbero costituire un importante campanello d’allarme.

Diagnosi della gravidanza ectopica

Come è intuitivo che sia uno dei mezzi diagnostici utili per identificare un caso di gravidanza ectopica è l’ecografia, ma non è la sola freccia all’arco della diagnosi precoce; è possibile infatti diagnosticare un caso di gravidanza ectopica anche basandosi sui valori plasmatici di progesterone ed estradiolo, oltre che sulla base del dosaggio e dell’aumento in un periodo di sei settimane della beta-HCG (gonadotropina corionica umana).

Prevenire il rischio di gravidanza ectopica

La maggiore forma di prevenzione contro la gravidanza ectopica è rappresentata proprio dalla diagnosi precoce, riuscire ad identificare in maniera tempestiva questo tipo di disturbo è cruciale non solo per la salute della mamma (che statisticamente come abbiamo accennato risulta raramente messa a repentaglio) quanto per il corretto sviluppo dell’embrione dal momento che, come detto, l’approccio chirurgico offre ottime opportunità di risolvere una gravidanza ectopica senza alcuna ripercussione per mamma e bambino.

Gravidanza ectopica: conclusioni

La gravidanza ectopica, sebbene rappresenti ancora un’eventualità abbastanza rara, è comunque un rischio concreto in una gravidanza che non può essere ignorato soprattutto in virtù dell’aumento di incidenza che questa condizione ha avuto negli ultimi anni. Una delle migliori forme di difesa dal rischio di gravidanza ectopica è rappresentato dalla diagnosi precoce la quale consente di intervenire, in maniera chirurgica, tempestivamente per risolvere il problema. Esistono diversi tipi di gravidanza ectopica classificati in base al particolare anatomico presso cui si annida l’embrione, la più frequente di tutte è la gravidanza ectopica tubarica che rappresenta da sola oltre il 90% delle gravidanze ectopiche di tipo extrauterino

Hai trovato utile questo post sulla gravidanza ectopica?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606