ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Granuloma dentale: cause, sintomi, prevenzione e cura del granuloma


Granuloma dentale: cause, sintomi, prevenzione e cura del granulomaIl granuloma dentale, come avremo modo di capire nel corso di questo post, rappresenta una di quelle patologie che potrebbero essere benissimo evitate adottando l’abitudine di ricorrere al dentista almeno 2/3 volte l’anno così come previsto da tutte le linee guida sulla salute; il granuloma dentale, infatti, almeno in prima istanza tende ad essere privo di sintomi per cui solo una visita odontoiatrica accurata può consentire una diagnosi rapida di questa patologia ed evitare qualunque tipo di complicazione. Nei prossimi paragrafi tenteremo di capire meglio che cos’è un granuloma dentale, quali sono le sue cause, quali sono i primi sintomi attraverso cui si manifesta e ancora molte informazioni utili sul granuloma dentale

Che cos’è un granuloma dentale

Col termine granuloma dentale si definisce una condizione di forte infiammazione dei tessuti dovuta alla proliferazione batterica che si sviluppa in seguito a particolari eventi (che avremo modo di vedere più nel dettaglio nel paragrafo in cui ci occuperemo delle cause del granuloma dentale). I tessuti coinvolti dal processo infiammatorio sono intorno all’apice radicale (la parte terminale della radice del dente, quella per intenderci che arriva più in profondità nella gengiva); tuttavia l’infiammazione che in un primo momento riguarda, come abbiamo appena detto, l' apice radicale del dente tende velocemente a coinvolgere anche i tessuti nelle immediate vicinanze fino a coinvolgere la polpa del dente stesso, per questo motivo il granuloma dentale è un disturbo che andrebbe trattato in maniera adeguata e tempestiva, onde evitare qualunque rischio di complicazione.

Granuloma dentale: Informazioni generali

Adesso che abbiamo capito meglio che cos’è un granuloma dentale possiamo iniziare a definire quali sono le cause di questo disturbo, i sintomi, le varie complicazioni e i rischi in cui si incorre trascurando un granuloma dentale senza omettere, ovviamente, quali siano le cure più efficaci per trattare un granuloma dentale. Negli ultimi paragrafi, poi, forniremo ancora altre informazioni utili per chi volesse imparare a conoscere meglio questo tipo di patologia

  1. Principali cause del granuloma dentale

    Una delle cause più comuni del granuloma dentale sono proprio le carie; anche se non necessariamente una carie causerà un disturbo di questo tipo più si tende a trascurarla più è facile che possa degenerare fino a causare un granuloma dentale. Un granuloma dentale può essere anche causato dal fatto di aver trascurato patologie pregresse a carico della polpa dentale (come nel caso delle pulpiti), da lesioni o traumi ai denti o a livello gengivale (come nel caso dei denti scheggiati o della perforazione della gengiva dovuta a corpi estranei). Per finire altre cause del granuloma dentale (per quanto più rare) sono una piorrea mal curata e le eventuali complicazioni di un intervento estrattivo riuscito male.
  2. Sintomi del granuloma dentale

    Come abbiamo avuto modo di accennare spesso il granuloma dentale, ai suoi esordi, non presenta alcun tipo di sintomo; questa particolarità offre, come dovrebbe risultare intuitivo, la possibilità a questo tipo di disturbo di degenerare con una certa velocità dal momento che, solitamente, quando compaiono i primi sintomi i processi infiammatori generati dal granuloma dentale si sono già diffusi ai tessuti circostanti. Quando i sintomi cominciano a comparire il paziente avverte un forte disturbo e dolore, se il disturbo è già degenerato (come vedremo in uno dei prossimi paragrafi sulle complicazioni del granuloma dentale) si possono manifestare fistole e cisti decisamente dolorose.
  3. Classificazione e tipologie di granuloma dentale

    Il granuloma dentale viene ovviamente classificato in maniera differente (come accade a numerose altre patologie) in base alla gravità dei processi infiammatori in corso e ai tessuti coinvolti; per fare un esempio, quindi, si parlerà di granuloma dentale semplice nei casi di formazione più recente del granuloma (indicando così processi infiammatori meno intensi e una minor diffusione degli stessi), mentre si definiranno come granuloma ascessualizzato (quando all’interno del granuloma dentale si forma un ascesso) e granuloma dentale suppurato le due complicazioni più frequenti di un granuloma dentale semplice.
  4. Diagnosi di un granuloma dentale

    Spesso, soprattutto nei casi di granuloma dentale asintomatici, la diagnosi viene effettuata casualmente dopo aver fatto un esame radiografico (come ad esempio in seguito ad un’ortopanoramica); ovviamente il fatto di sostenere tutte le visite periodiche dal dentista risulta il modo migliore sia per prevenire il rischio di insorgenza del granuloma dentale sia per prevenirlo. Nella maggior parte dei casi però i pazienti arrivano dal dentista con una situazione già aggravata dal momento che, come abbiamo ribadito in più occasioni, quando il granuloma dentale comincia a manifestare i primi sintomi è perché i processi infiammatori in corso sono già cronicizzati ed estesi ai tessuti circostanti.
  5. Trattamento e cura del granuloma dentale

    Normalmente il trattamento più efficace per trattare un granuloma dentale consiste nel devitalizzare (trattamento canalare) il dente coinvolto, tuttavia non sempre questo è possibile; nei casi più complicati, quindi, può rivelarsi necessaria l’estrazione del dente. Particolarmente complicati da trattare sono poi i casi in cui il granuloma dentale si sviluppi su denti che sono già stati devitalizzati, in questi casi frequentemente il trattamento canalare risulta impossibile perché sono già presenti perni che risulterebbe complicato estrarre, in questi casi quindi si rende necessario un intervento più invadente (apicectomia) per curare in maniera definitiva il granuloma dentale.

Granuloma dentale: quando rivolgersi al medico

Ovviamente l’ideale quando parliamo di granuloma dentale è rivolgersi immediatamente al dentista non appena questo tipo di disturbo dovesse manifestarsi; dato che però, come abbiamo detto nel paragrafo sui sintomi del granuloma dentale, spesso questa patologia non è caratterizzata (almeno in un primo momento) da alcun tipo di sintomo, non sempre è possibile rivolgersi al dentista in maniera tempestiva. Quello del granuloma dentale è quindi uno dei classici esempi per cui si consiglia di recarsi dal dentista almeno 2/3 volte l’anno, ma questo avremo modo di vederlo più nel dettaglio quando parleremo delle strategie atte a prevenire il rischio di insorgenza del granuloma dentale

Complicazioni e rischi del granuloma dentale

Una delle complicazioni più comune del granuloma dentale sono le fistole, le quali (come abbiamo visto in un altro post) presentano una sintomatologia abbastanza dolorosa e sono un disturbo decisamente fastidioso con cui doversi confrontare. Tra le complicazioni del granuloma dentale abbiamo anche la formazione di ascessi; la complicazione più grave di un granuloma dentale si ha però quando il processo infiammatorio genera un’infezione purulenta condizione questa che, tra le altre cose, può condurre alla perdita dei denti (parodontite apicale acuta)

Come prevenire il rischio di granuloma dentale

Dal momento che tra le principali cause del granuloma dentale ci sono, come abbiamo visto in uno dei primi capitoli, le carie, risulta quanto mai intuitivo come il miglior metodo per prevenire il rischio di insorgenza di un granuloma dentale sia la corretta igiene orale e le visite periodiche dal dentista. Non abbiamo mancato di evidenziare come una delle possibili cause di granuloma siano anche gli interventi estrattivi mal riusciti, questo anche per evidenziare come non basti sottoporsi alle visite di routine ma occorra anche scegliere un dentista competente ed affidabile (cosa che in un paese in cui abbondano i falsi dentisti non è mai così scontata).

Granuloma dentale: conclusioni

Il granuloma dentale è un disturbo che insorge in seguito a processi infiammatori a carico dell’apice radicale del dente e che poi possono facilmente estendersi anche ai circuiti circostanti arrivando ad intaccare la polpa del dente; i sintomi di questa patologia compaiono solo quando ormai il granuloma dentale ha già indotto le prime complicazioni mentre nella prima fase del processo infiammatorio questo disturbo risulta spesso asintomatico. Tra le complicazioni più comuni del granuloma dentale abbiamo le fistole e gli ascessi, disturbi entrambi particolarmente fastidiosi e dolorosi, per cui meglio evitare qualunque rischio di insorgenza di granuloma dentale e abituarsi ad avere una corretta igiene orale e a sottoporsi alle visite di controllo annuali presso un dentista di fiducia.

Hai trovato utile questo post sul granuloma dentale?
Condividilo sui social network
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606