ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Acidosi metabolica: cause, sintomi e rimedi contro l’acidosi metabolica


acidosi metabolica: cause, sintomi e rimedi contro l'acidosi metabolicaL’acidosi metabolica è una condizione potenzialmente molto pericolosa, come vedremo nel corso di questo post, infatti, molto dipende dall’effettiva rilevanza del disturbo; una leggera acidosi metabolica può risultare completamente asintomatica e, nei casi di soggetti in salute, essere tranquillamente compensata dall’organismo a livello respiratorio o renale. Tuttavia quando questo meccanismo di compensazione salta o l’acidosi metabolica risulta importante si possono generare conseguenze anche gravi. Come vedremo nei prossimi paragrafi, quindi, stiamo parlando di una condizione abbastanza problematica per il nostro organismo e che andrebbe sempre risolta il prima possibile

Che cos’è l’ acidosi metabolica

L’acidosi metabolica indica molto semplicemente una condizione di anomalia del ph sanguigno; in altre parole nell’organismo si accumulano sostanze acide che alterano il normale valore del ph. Abbiamo già avuto modo di descrivere questa dinamica nel nostro post sull’acidosi respiratoria, sostanzialmente parliamo dello stesso problema solo che nel caso dell’acidosi metabolica le cause non sono imputabili a problemi di carattere respiratorio quanto invece a problemi appunto di carattere metabolico; il disturbo si origina quindi a seguito di intossicazioni alimentari, problemi renali o cattiva alimentazione, ma di questo avremo modo di occuparci più nel dettaglio nel paragrafo dedicato alle cause dell’acidosi metabolica

Acidosi metabolica: informazioni generali

Fin qui ci siamo limitati a dare una semplice definizione di cosa sia un’acidosi metabolica, abbiamo quindi detto che si tratta di una condizione potenzialmente abbastanza pericolosa caratterizzata da una diminuzione del ph sanguigno a sua volta correlata ad un accumulo di acidi nell’organismo. Abbiamo anche detto che questa riduzione del ph sanguigno può avere cause di carattere respiratorio (si parla in questo caso di acidosi respiratoria) o metabolico (che è quindi il caso di questo nostro post); nei prossimi paragrafi tenteremo di affrontare il tema in maniera più accurata e proveremo a capire insieme quali sono cause e sintomi di un’acidosi metabolica oltre che provare a definire quale sia il migliore approccio per curare questa condizione.

  1. Quali sono le cause dell’ acidosi metabolica

    Le cause dell’acidosi metabolica possono essere molteplici, alcune sono più preoccupanti altre sono tutto sommato banali; iniziamo col dire che bisogna distinguere le cause patologiche dell’acidosi metabolica da quelle che non sono correlabili ad un disturbo specifico. Come accennato, ad esempio, una delle cause dell’acidosi metabolica può essere una disfunzione di tipo renale, è questo il caso dell’ ipercloremia una condizione in cui assistiamo all’accumulo di cloro nell’organismo imputabile al fatto che il tubulo renale distale non risulta in grado  di secernere lo ione idrogeno (acidosi ipercloremica). Un’altra condizione patologica che può provocare l’acidosi metabolica è il diabete, ma anche l’accumulo di acido lattico nel sangue (acidosi lattica) può provocare lo stesso problema. A queste cause dell’acidosi metabolica si aggiungono quelle di carattere non patologico, come ad esempio nel caso delle intossicazioni, delle errate abitudini alimentari, del digiuno prolungato e della disidratazione; una delle cause più comuni dell’acidosi metabolica sono le intossicazioni da alcol per le quali ogni anno migliaia di italiani (soprattutto giovani) finiscono al pronto soccorso con sintomi anche importanti.
  2. Acidosi metabolica: i sintomi principali

    I sintomi dell’acidosi metabolica possono essere molto vari, dipende infatti sia dall’entità dell’acidosi che dalle cause che l’hanno provocata; come accennato, ad esempio, i casi più lievi di acidosi possono risultare completamente asintomatici. In ogni caso tra i sintomi più lievi dell’acidosi metabolica riscontriamo piccoli disturbi come ad esempio la sonnolenza, spossatezza e astenia; nei casi più gravi possiamo riscontrare ripercussioni a livello respiratorio, potremo quindi constatare una semplice iperventilazione o, nei casi più gravi, respiro di Kussmaul. Man mano che l’acidosi metabolica cresce aumentano i rischi per la persona che, nei casi più gravi, può persino cadere in coma o, peggio ancora, incorrere in una riduzione della pressione sanguigna che è una condizione particolarmente grave che potrebbe anche avere esiti letali.
  3. Come si diagnostica l’ acidosi metabolica

    L’analisi delle urine e l’ emogasanalisi arteriosa sono i due strumenti diagnostici più utili per identificare un problema di acidosi metabolica; mentre l’analisi delle urine risulta particolarmente utile nei casi in cui l’acidosi fosse provocata da disfunzioni di tipo renale, l’emogasanalisipermette di misurare la composizione dei gas nel sangue arterioso.
  4. Acidosi metabolica: quando rivolgersi al medico

    Nella maggior parte dei casi piccoli problemi di acidosi metabolica vengono compensati dal nostro organismo a livello renale o respiratorio; in questi casi nemmeno ci accorgiamo del problema. Per i soggetti affetti da patologie, come nel caso del diabete, ovviamente qualunque tipo di sintomo andrebbe sempre riferito al medico di fiducia; in questo paragrafo, però, ci preme soprattutto concentrarci su una causa molto comune di acidosi metabolica, cioè l’assunzione esagerata di alcol. E’ importante soprattutto per i giovani imparare a riconoscere sintomi che possono evidenziare il rischio di complicazioni anche importanti in caso di assunzione esagerata di alcol; se da un lato non è particolarmente preoccupante che una persona molto ubriaca possa addormentarsi profondamente (tanto da apparire in coma) il problema si pone in caso di perdita improvvisa di coscienza (quello che noi chiamiamo abitualmente “collasso”) o comunque in presenza di sintomi come anomalie nella respirazione (il soggetto fa dei respiri molto lunghi) e diminuzione della pressione arteriosa. In questi casi è importante portare la persona quanto prima al pronto soccorso soprattutto se non risponde agli stimoli esterni e pare incapace di riprendere conoscenza dopo essere svenuta.
  5. Cura e trattamento dell’ acidosi metabolica

    Normalmente l’acidosi metabolica viene trattata attraverso la somministrazione per via endovenosa (in sostanza una flebo) di soluzioni capaci di ripristinare il normale equilibrio acido/base del sangue; ovviamente, nei casi in cui l’acidosi metabolica fosse imputabile a una determinata patologia, oltre a ripristinare il naturale ph sanguigno nell’immediato bisognerà anche “aggredire” le cause che hanno provocato il disturbo (senza quindi limitarsi a trattare il sintomo).

Come prevenire il rischio di acidosi metabolica

Prevenire l’acidosi metabolica non è poi così complicato, almeno non lo è in tutti quei casi in cui questa condizione non ha cause di natura patologica; una sana alimentazione, evitare gli abusi (non solo nel consumo di alcol ma anche appunto dal punto di vista alimentare), sono tutte piccole accortezze che possono prevenire in maniera efficace il rischio di acidosi metabolica.

Rimedi naturali contro l’ acidosi metabolica

I rimedi naturali contro l’acidosi metabolica sono da considerarsi validi solo in termini di prevenzione; il consumo abituale di alimenti come frutta e verdura, ad esempio, può aiutare il nostro organismo a conservare valori ideali del ph sanguigno. Quando però l’acidosi metabolica è già subentrata e sta già provocando sintomi di qualunque tipo bisogna evitare di tentare di risolvere il problema da soli e contattare il medico di fiducia.

Rischi e complicazioni dell’ acidosi metabolica

Come spiegato l’acidosi metabolica è una condizione potenzialmente letale, tra i vari sintomi soprattutto la diminuzione della pressione sanguigna rappresenta un rischio da non sottovalutare; parliamo di una condizione per certi versi banale (dato che può essere affrontata senza problemi con una semplice flebo), tuttavia può essere considerata tale solo se gestita opportunamente e per tempo, qualora questa condizione venisse trascurata o comunque l’equilibrio acido/base del sangue non fosse ripristinato in tempi brevi gli effetti negativi per la salute potrebbero essere diversi con esiti, nei casi più gravi, potenzialmente anche letali

Acidosi metabolica: conclusioni

L’acidosi metabolica è una condizione in cui assistiamo alla riduzione del ph sanguigno dovuta all’accumulo di sostanze acide nell’organismo; questo può avvenire sia per motivi di tipo patologico (diabete, problemi renali, etc), sia per motivazioni di carattere differente (abuso di alcol, errata alimentazione, intossicazioni, etc). Indipendentemente dalle cause è sempre importante ripristinare il normale ph sanguigno quanto prima dal momento che l’acidosi metabolica può originare complicazioni anche di una certa rilevanza.

Hai trovato utile questo post sull'acidosi metabolica?
Condividilo sui social network