Tens terapia e ionoforesi: tutto quello che devi sapere sull'elettroterapia antalgica


Tens terapia e ionoforesi: tutto quello che devi sapere sull'elettroterapia antalgicaElettroterapia antalgica è un termine sufficientemente preciso per definire un trattamento antidolorifico (antalgico) basato sulla somministrazione di scosse elettriche (elettroterapia) e fin qui ci arriviamo facilmente tutti; ben diverso però il discorso se si tratta di comprendere in quali circostanze l'elettroterapia antalgica può essere impiegata, con quali benefici e controindicazioni, sfruttando quali meccanismi biologici, per tutte queste informazioni, invece, non è sufficiente la comprensione del termine e occorre approfondire l’argomento. In questo post tenteremo quindi di capire quante forme di elettroterapia antalgica esistono, come si differenziano tra loro e ancora molte altre informazioni utili per chi dovesse sottoporsi per la prima volta a un ciclo di elettroterapia antalgica

Che cos’è l'elettroterapia antalgica

Che l’elettroterapia antalgica sia un trattamento antidolorifico che si basa sulla somministrazione di corrente abbiamo già avuto modo di accennarlo ed è, del resto, molto intuitivo per chiunque; iniziamo però sin da adesso ad introdurre dei concetti più impegnativi, come ad esempio la differenza tra i trattamenti a base di corrente alternata e quelli a corrente continua (o galvanica). Qual è la differenza? E’ presto detto, nel caso della corrente continua  abbiamo una corrente elettrica caratterizzata da un flusso di intensità e direzione costante nel tempo, mentre nel caso di quella alternata abbiamo un alternarsi di pulsazioni positive e pulsazioni negative. Se questa è la differenza da un punto di vista prettamente fisico fra le due forme di correnti, quella dal punto di vista medico è che mentre le correnti continue sono usate per favorire l’assorbimento di determinati farmaci (antidolorifici e antinfiammatori principalmente) mentre quelle alternate (atte a favorire la contrazione muscolare) trovano maggior applicazione nella terapia diadinamica e nella TENS

Elettroterapia antalgica: informazioni generali

Fin qui ci siamo limitati a spiegare che l’elettroterapia antalgica viene impiegata per ridurre il dolore e sfrutta due tipi di correnti differenti (alternata e continua) per produrre due tipi di risultati differenti (la contrazione muscolare o il miglior assorbimento di farmaci). Non abbiamo detto nulla fino adesso relativamente alle patologie e ai disturbi che possiamo trattare in maniera efficace ricorrendo all’elettroterapia antalgica; quindi, prima di passare oltre, copriamo questa lacuna senza dilungarci oltre. L’elettroterapia antalgica è impiegata per trattare condizioni come le affezioni muscolari, dolorose e nervose (principalmente le nevriti) e le radicoliti (come ad esempio la sciatalgia). Quando parliamo di disturbi a carico dei muscoli, quindi, o comunque dei nervi e in generale dell’apparato muscolo-scheletrico è molto probabile che il ricorso all’elettroterapia antalgica risulti in ogni caso consigliato; ovviamente esistono diverse forme di elettroterapia, quindi nei prossimi paragrafi proveremo a descriverle in maniera semplice ed accessibile nel dettaglio.

  1. Elettroterapia antalgica diadinamica

    Si tratta di correnti formate da onde con impulsi unidirezionali e sempre positivi impiegate principalmente per ridurre il dolore (a livello muscolare) e sono largamente utilizzate nei casi di tendinite (al gomito, polso, spalle, ginocchio e caviglia) o comunque per trattare i traumi e le patologie articolari (sia acute che croniche)
  2. Elettroterapia antalgica tens lombare e cervicale

    Iniziamo subito col dire che TENS è l’acronimo inglese di Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation, che sta per stimolazione elettrica transcutanea dei nervi; questa tecnica oggi non è più così largamente impiegata come in passato dal momento che la sua capacità di produrre benefici nei paziente risulta limitata nel tempo, tuttavia viene ancora indicata nel trattamento di alcune affezioni (principalmente a carico del tratto lombare e cervicale) in virtù della sua attitudine a ridurre in maniera efficace il dolore (anche se, come detto, con risultati solo temporanei)
  3. Elettroterapia antalgica interferenziale

    Questo tipo di trattamento sfrutta la capacità delle onde elettriche a bassa frequenza di penetrare in profondità nei tessuti con effetti antalgici (di riduzione del dolore quindi) di assoluto rilievo; l’elettroterapia antalgica interferenziale è oggi largamente impiegata per trattare disturbi come la cervicalgia cronica, il mal di schiena e alcune forme di artrosi
  4. Elettroterapia antalgica: la ionoforesi

    La ionoforesi, infine, è una forma di elettroterapia antalgica utilizzata per favorire l’assorbimento di determinati farmaci più in profondità nei tessuti.
  5. Principali benefici dell'elettroterapia antalgica

    I benefici dell’elettroterapia antalgica dipendono direttamente sia dal tipo di tecnica impiegata sia dal tipo di disturbo da trattare; in ogni caso queste tecniche si mostrano preziose alleate nel ridurre il dolore dei pazienti affetti da problemi di tipo muscolare, neurologico o articolare.

Rischi e controindicazioni dell'elettroterapia antalgica

In termini di rischi possiamo dire che l’elettroterapia antalgica ne è quasi del tutto esente, tanto che alcune tecniche in particolare possono essere seguite anche a livello domiciliare; è infatti possibile acquistare determinati apparecchi (a prezzi nemmeno troppo esosi) per praticare comodamente e autonamente l’elettroterapia antalgica in casa propria. Ovviamente questo non vuol dire che questi trattamenti siano esenti da rischi, tutt’altro, andrebbero evitati ad esempio dalle donne durante il periodo della gravidanza, dai portatori di pacemaker e nei casi in cui la pelle risultasse lesionata nel punto in cui andrebbero applicati gli elettrodi (attraverso i quali i vari dispositivi rilasciano le scosse)

Elettroterapia antalgica: costi e centri specializzati

Per sottoporsi a un ciclo di elettroterapia antalgica ci si può rivolgere tranquillamente a qualunque centro specializzato in fisioterapia sul territorio, si tratta del resto di trattamenti mediamente molto richiesti; per quanto riguarda il costo, il numero di sedute e di cicli da effettuare è difficile dare un’indicazione precisa perché può variare di caso in caso. In linea di massima una seduta di elettroterapia antalgica può durare dai dieci ai sessanta minuti e avere un costo a partire dalla quindicina d’euro fino a un massimo di una quarantina (dipende dalla struttura ovviamente, ma anche dal tipo di elettroterapia antalgica da praticare). Per quanto riguarda i dispositivi acquistabili per effettuare l’elettroterapia antalgica in casa hanno un prezzo che parte, mediamente, da una settantina d’euro, ma non sono sempre indicati per trattare qualunque tipo di condizione;  prima di effettuare un acquisto di questo tipo, quindi, ti consigliamo di confrontarti col tuo medico di fiducia

Elettroterapia antalgica:conclusioni

L’elettroterapia antalgica è un trattamento pensato per trattare i pazienti con problemi a livello muscolare, articolare o neurologico sfruttando ben precise caratteristiche della corrente elettrica; a livello terapeutico viene impiegata sia la corrente continua (per favorire l’assorbimento dei farmaci) sia quella alternata (con effetto elettrostimolatore), lo scopo è in entrambi i casi la riduzione del dolore nei pazienti affetti dai disturbi che abbiamo appena elencato.

Hai trovato utile questo post sull'elettroterapia antalgica?
Condividilo sui social network
Visita la nostra community dedicata alla salute
seguici su Twitter

SEGUICI SU TWITTER

seguici su facebook

SEGUICI SU FACEBOOK

Seguici su youtube

SEGUICI SU YOUTUBE

Seguici su Google Plus

SEGUICI SU GOOGLE PLUS

indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

PESO IN KG
ALTEZZA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

La tua pubblicità su Unadieta.It
strumenti Vai

STRUMENTI E UTILITA'

torna su

TORNA IN CIMA ALLA PAGINA

info

INFORMAZIONI SU QUESTA PAGINA

Segnala un errore nel post

SEGNALA UN ERRORE IN QUESTA PAGINA

Indietro

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE

Vai alla home

VISITA LA NOSTRA HOME PAGE