ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Chirurgia estetica: un'app fa scandalo


Plastic Surgery & Plastic Doctor & Plastic Hospital Office for Barbie

In questi giorni ha suscitato un certo clamore mediatico un'app, attualmente rimossa dagli store, che permetteva di sottoporre a ritocchi estetici di vario tipo l'avatar di una barbie;
finita sotto accusa per essere poco educativa “Plastic Surgery & Plastic Doctor & Plastic Hospital Office for Barbie”, oggi ritirata dal commercio, è sembrata quanto meno inappropriata come app, soprattutto perchè non si è trovato ancora un modo sicuro di inibire l'accesso a questo tipo di applicazioni per i bambini.

E' altrettanto recente infatti la notizia di un rimborso multimilionario che la Apple ha dovuto sostenere per risarcire diverse migliaglia di genitori statunitensi per gli acquisti fatti online dai propri figli nello store di Apple ma senza il loro consenso;
è evidente come, è questa del ritocchino estetico alla barbie ne è solo un esempio, siano presenti online un gran numero di app che sarebbero quanto meno inadeguate se utilizzate da un ragazzino.
Nello specifico, come se non bastasse per dei genitori ritrovarsi a dover combattere coi modelli imposti dai media, occorre anche prestare non poca attenzione alle applicazioni che finiscono installate sui telefonini dei propri figli e questo nonostante il telefono sia ormai comunemente percepito come un oggetto assolutamente intimo, il cui accesso da parte di altri ci fa sentire, e con diritto, come se fosse stata violata la nostra privacy.
Tuttavia, prima di gettare la croce addosso agli sviluppatori di apps, occorre precisare che devono essere grandi colossi dell'informatica, Google, Microsoft ed Apple su tutti, a preoccuparsi di elaborare software capaci di inibire in maniera efficiente la possibilità di accesso a determinati contenuti da parte dei minori oltre che a sviluppare e commercializzare una tecnologia che renda possibile per i genitori monitorare l'attività online dei propri figli attraverso i vari dispositivi.
Solo così si potrà risolvere il problema alla radice e non, come invece succede oggi, attraverso una censura che ottiene invece l'effetto esattamente contrario, quello cioè di mitizzare una cosa sbagliata contribuendo ad esaltare e a creare quel fascino malsano per il proibito che tutti da ragazzini abbiamo sperimentato

Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606