ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Obesità infantile: l'Europa dorme gli USA rispondono


Reazione USA contro l'obesità infantile

Abbiamo più volte parlato della piaga dilagante dell'obesità infantile, ed in qualche occasione abbiamo anche accennato dell'impegno della first lady americana Michelle Obama nella lotta contro la cattiva alimentazione;
oggi vogliamo riferirvi di un altro piccolo successo di questa grande donna (forse più grande quanto a caratura dello stesso presidente) nella lotta contro l'obesità dei bambini.
Per i prossimi tre anni, infatti, la catena di fast food Subway, grazie ad un accordo sponsorizzato proprio dalla first lady, garantisce il proprio impegno nell'offrire ai propri piccoli clienti cibi sempre più salutari;


per sensibilizzare la popolazione sull'importanza di una sana alimentazione verranno investiti 41 milioni di dollari in campagne mediatiche e, inserendosi in questo quadro, Subway promette che inizierà a "spingere" sul consumo di frutta e verdura nei propri punti vendita.
Michelle Obama sa bene come la catena di fast food Subway sia fra le più frequentate proprio dalle famiglie americane e spera che attraverso questo accordo possa facilitare l'accesso a cibo sano e di qualità a quei genitori che, per i soliti problemi di tempo, di logistica ma anche economici, sono costretti a far mangiare i propri figli al fast food;
non sappiamo se alla fine la società americana riuscirà a liberarsi del problema dell'obesità inbfantile dilagante, ma sappiamo per certo che senza una first lady come Michelle Obama il traguardo sarebbe stato certamente molto più lontano di così.
Invece sono bastati meno di dieci anni per sensibilizzare l'opinione pubblica americana, tanto che oggi negli USA possono davvero iniziare a sperare in un futuro dove l'obesità infantile riguardi un numero sempre minore di bambini.

Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606