ALIMENTAZIONE
FITNESS
SALUTE
WELLNESS
FOOD

Alimentazione bambini: ecco cosa devi sapere


alimentazione bambiniL'alimentazione dei bambini è una cosa importantissima!
Abituare i nostri bambini ad un'alimentazione sana ed equilibrata rientra a pieno titolo nell' ambito dell' educazione (alimentare in questo caso), così come ogni genitore si preoccupa di fare in modo che i propri figli siano ben educati, insegna loro l' importanza dei valori (il rispetto per il prossimo, la differenza fra bene e male) così non va tralasciata l'educazione alimentare;
si tratta di un compito ancora più difficile in quanto, è risaputo, i bambini hanno gusti particolari, sono poco propensi ad assaggiare qualcosa di nuovo e, fosse per loro, si nutrirebbero solo di pizza e patatine.


Tuttavia curare l'alimentazione dei propri figli, stabilire per loro una dieta sana ed equilibrata, è fondamentale per la loro salute, contribuirà in maniera importante ad evitare l' insorgenza di tantissime malattie e li abituerà anche da adulti ad alimentarsi in maniera corretta.

L'alimentazione dei bambini: apporto calorico

Quando si parla di alimentazione per bambini è importante abituarli ad una certa regolarità;
questo significa non solo dargli degli orari precisi per mangiare, ma anche curare l' apporto calorico e la sua distribuzione nell' arco della giornata, scopriamo quindi come deve essere strutturata la giornata di un bambino quando parliamo di alimentazione e come deve essere distribuito l' apporto calorico durante i vari pasti:

  1. Colazione: la colazione nell'alimentazione dei bambini è importantissima, dovrebbe costituire circa il 20% dell' apporto calorico quotidiano, deve essere quindi sostanziosa per evitare la necessità di un merenda eccessiva prima del pranzo
  2. Merenda: a mezza mattinata anche noi adulti sentiamo la necessità di mettere qualcosa sotto i denti, per i bambini questa merenda dovrebbe costituite circa il 5% dell' apporto calorico giornaliero e rappresenta un'ottima occasione per abituarli a consumare cibi sani: stop quindi a snack e merendine e largo a yogurt e frutta fresca di stagione
  3. Pranzo: anche se gli impegni quotidiani spesso non lo consentono, il pranzo rimane il pasto principale della giornata, ancora più importante nell'alimentazione dei bambini, dovrebbe costituire circa il 40% dell' apporto calorico necessario e dovrebbe essere il più completo, vario ed equilibrato possibile
  4. Merenda: come per la mattina anche alla metà del pomeriggio un pò di fame inizia a farsi sentire, la merenda non và saltata ma deve essere leggere, sempre intorno al 5% dell' apporto calorico, ed è sempre preferibile scegliere cibi sani a quelli preconfezionati (magari una torta fatta in casa)
  5. Cena: la cena dovrebbe rappresentare circa il 30% dell' apporto calorico e deve essere sostanzialmente leggera per evitare l' accumulo di calorie durante la notte.

Educazione ed alimentazione: cominciamo dalla tavola

Lo sappiamo bene, crescere un figlio è il lavoro più difficile che possa esistere, se già dargli una buona educazione è un compito impegnativo, educare un bambino dal punto di vista dell'alimentazione può essere davvero un' impresa;
ecco alcuni consigli utili.

  1. Insegnateli ad esplorare: fate in modo che assaggino tutto, evitate che crescano con dei pregiudizi su alcuni alimenti, molti adulti sostengono di non amare la verdura, ma in realtà semplicemente da bambini non l'hanno mai assaggiata
  2. Ricordatevi che sono bambini: essere inflessibili quando si tratta di far assaggiare loro qualcosa va bene, costringerli a mangiare qualcosa che non gli piace no; fate in modo che si abituino a mangiare di tutto ma rispettate i loro gusti, se un bambino, ad esempio, detesta le lenticchia, pazienza, vorrà dire che dovrete provare con altri tipi di legumi, come ad esempio i piselli o i fagioli
  3. Imponete la regolarità: non permette ai bambini di alzarsi da tavola quando vogliono, se hanno fretta di alzarsi perchè non vedono l' ora di dedicarsi ad un gioco che li appassiona, usate questa loro frenesia per convincerli (ad esempio) a consumare un frutto a fine pasto
  4. Piano con i bis: se avete preparato il loro piatto preferito, facile che vi chiedano un bis, magari fate una prima porzione più piccola di modo che quando ve ne chiederanno ancora la quantità della porzione complessiva sia solo leggermente superiore alla norma
  5. Spegnete quella dannatissima televisione: almeno quando mangiate, davvero, è importante
  6. Coinvolgeteli in cucina: passerete così del tempo di qualità insieme e li preparerete per quando non saranno più bambini e dovranno badare da soli alla propria alimentazione
Unadieta.It © 2016 Tutti i diritti riservati | PIva 02992130738 | REA TA184606