Hydrospeed: scopri come e dove praticare Hydrospeed in Italia


Hydrospeed: scopri come e dove praticare Hydrospeed in ItaliaL’Hydrospeed è uno sport d’acqua viva (vengono così definite le attività sportive che hanno la loro location naturale presso fiumi e torrenti) non particolarmente conosciuto nel nostro paese nonostante sia nato (come vedremo in uno dei prossimi paragrafi) più di cinquant’anni fa. In questo post tenteremo di capire insieme che cos’è l’Hydrospeed, come e dove è possibile praticare questo sport estremo in Italia, quanto costa praticare l’Hydrospeed e tenteremo di dare ancora altre informazioni utili per chi desiderasse avvicinarsi per la prima volta a questa pratica sportiva

Che cos’è l’Hydrospeed

L’Hydrospeed è uno sport d’acqua viva nato in Francia alla fine degli anni ’50; inizialmente questo sport si limitava a nuotare seguendo la corrente dei corsi d’acqua, successivamente (anche per evitare rischi per gli atleti) sono state introdotte le omonime tavole e anche caschi ed imbottiture per ridurre il rischio di incidenti dovuti all’urto con rocce o altri ostacoli. Dell’attrezzatura necessaria a fare Hydrospeed parleremo più nel dettaglio in uno dei prossimi paragrafi, per adesso ci limitiamo a dire che l’Hydrospeed consiste nel nuotare in corsi d’acqua come torrenti e fiumi con l’ausilio di una tavola chiamata appunto Hydrospeed board

Hydrospeed: informazioni generali

Per adesso ci siamo limitati a spiegare per sommi capi cosa sia l’Hydrospeed, dov’è nato questo sport estremo e abbiamo capito anche che, oltre la tavola da Hydrospeed, per praticare quest’attività è necessario acquistare anche altra attrezzatura; nei prossimi paragrafi entreremo nel vivo di questo post e proveremo a capire insieme le origini del’Hydrospeed, la sua diffusione nel nostro paese e molte altre informazioni utili per chi stesse valutando la possibilità di cimentarsi nell’Hydrospeed per la prima volta.

  1. Hydrospeed: storia ed origini di questo sport

    Come accennato l’Hydrospeed nasce alla fine degli anni ’50 in Francia tuttavia l’attuale fisionomia di questo sport prese forma solo intorno alla fine degli anni ’70; se fino ad allora gli appassionati si limitavano a percorrere i fiumi e i corsi d’acqua seguendo la corrente a nuoto e solo dal ’78 che nasce l’abitudine di usare una tavola simile ad un bob per praticare questo tipo di attività. E’ così che nasce l’Hydrospeed così come lo conosciamo oggi, uno sport estremo che consiste nel percorrere i corsi d’acqua a nuoto utilizzando una tavola per attutire gli urti contro le rocce che costellano i corsi d’acqua
  2. Dove praticare Hydrospeed in Italia

    L’Italia offre ottime opportunità per praticare l’Hydrospeed, del resto il nostro paese è ricco di corsi d’acqua (fiumi e torrenti) che ben si prestano a questo tipo di sport; tra le mete preferite in Italia dagli appassionati di Hydrospeed abbiamo certamente il Trentino, ma anche il Piemonte (con la Valsesia), l’Umbria e la Val d’Aosta. Purtroppo nel nostro paese la diffusione di questo sport è iniziata tardi (a partire dal ’91) quindi siamo ancora indietro rispetto al resto d’Europa per quanto riguarda la pratica di questa disciplina, ma questo avremo modo di vederlo più nel dettaglio in uno dei prossimi paragrafi
  3. Che tipo di preparazione serve per praticare Hydrospeed

    Come per qualunque altro sport (estremo o no che sia) anche per l’Hydrospeed è necessario per prima cosa consultare il proprio medico di fiducia perché possa certificare che puoi svolgere questa attività sportiva in totale sicurezza; detto questo per praticare Hydrospeed è indispensabile avere una certa confidenza con l’acqua, non che si debba essere necessariamente campioni olimpionici di nuoto, ma certamente se non ci si sente a proprio agio in acqua meglio optare per un altro sport, sarebbe in caso contrario come voler fare il pilota di rally soffrendo però il mal d’auto, meglio evitare e orientarsi verso qualcosa di più compatibile con i propri gusti.
  4. Attrezzatura per fare Hydrospeed 

    Per praticare Hydrospeed è necessario dotarsi di tutta l’attrezzatura indispensabile per praticare questo sport; oltre alla tavola da Hydrospeed è fondamentale quindi anche l’acquisto di una tuta in neoprene adatta alla pratica dell’ Hydrospeed. Non parliamo di una semplice muta, ma di una tuta pensata ad hoc per praticare questo sport, spessa quindi a sufficienza per proteggerci dalla bassa temperatura dell’acqua e dotata di imbottiture capaci di attenuare eventuali impatti con le rocce; oltre questo sono indispensabili anche il giubbotto salvagente, il casco e ovviamente le pinne (simili a quelle usate dai subacquei) che sono fondamentali per dirigere e sospingere la tavola da Hydrospeed in acqua
  5. Quanto costa praticare Hydrospeed

    Come probabilmente avrai già intuito da solo praticare l’ Hydrospeed non è un’attività esattamente economica, principalmente perché (a meno di non essere residenti) per poter praticare questo sport è necessario spostarsi in quelle zone dove esistono corsi d’acqua adatti all’ Hydrospeed; gli appassionati quindi, a meno che di non essere così fortunati da abitare in prossimità di fiumi e torrenti adatti alla pratica dell’ Hydrospeed, sono spesso costretti a spostarsi in giro per l’Italia per praticare il loro sport preferito cosa che rende la pratica dell’ Hydrospeed abbastanza dispendiosa. Anche a livello di attrezzatura i costi non sono esattamente accessibili per tutti, si consideri ad esempio che solo la tavola da Hydrospeed ha un costo  medio che si aggira intorno alle 250€, pinne e tuta invece possono costare mediamente intorno alle 200€ (una cinquantina per le pinne e il resto per la tuta), mentre casco e giubbotto galleggiante possono richiedere un’ulteriore spesa di un centinaio d’euro. Complessivamente quindi solo per l’acquisto dell’attrezzatura necessaria a praticare l’ Hydrospeed sarebbe opportuno preventivare una spesa di almeno 500€; ovviamente le strutture che offrono la possibilità di praticare l’ Hydrospeed danno anche modo di noleggiare tutta l’attrezzatura necessaria, in questo caso il costo orientativamente parte dalle 60€ a persona per una gita di due o tre ore, questo permette quindi di praticare l’ Hydrospeed senza doversi svenare da subito per acquistare tutta l’attrezzatura anche se, soprattutto per gli appassionati, alla lunga conviene più acquistare l’attrezzatura che non affittarla ogni volta.

Hydrospeed: accortezze, precauzioni e controindicazioni

Una cosa che non abbiamo detto fin qui è che per praticare l’ Hydrospeed bisogna essere maggiorenni, per cui questa è sicuramente la prima controindicazione alla pratica di questo sport, se hai meno di 18 anni meglio che ti orienti verso qualcosa di diverso (almeno per il momento); come abbiamo già detto il certificato di sana e robusta costituzione è sempre il primo passo da fare se si vuole praticare qualunque tipo di sport (quindi non solo per l’ Hydrospeed). Per il resto l’ Hydrospeed non presenta precauzioni particolari a patto però, lo ripetiamo, che tu abbia una buona confidenza con l’acqua, in caso contrario questo sport non fa al caso tuo.

Diffusione dell’Hydrospeed in Italia e in Europa

L’ Hydrospeed a livello europeo è uno sport abbastanza diffuso, nel nostro paese (purtroppo) siamo ancora indietro; basti solo pensare che la prima associazione nazionale per l’ Hydrospeed è nata in Italia nel ’91, questo ovviamente ha rallentato la diffusione di questa disciplina nel nostro paese, situazione che però sta cambiando abbastanza rapidamente come potete leggere visitando il sito di Hydrospeed Italia

Tavola da Hydrospeed: quanto costa e dove comprarla

Posto che, come abbiamo accennato, puoi anche limitarti a noleggiare la tavola da Hydrospeed presso le strutture che permettono di praticare questo sport, se decidi invece di acquistarla puoi rivolgerti per prima cosa ai negozi che vendono articoli sportivi (anche per sport estremi) nella tua città; i negozi che trattano articoli per il rafting o la canoa avranno sicuramente in vendita anche l’attrezzatura necessaria a praticare l’ Hydrospeed. Puoi ovviamente cercare anche su google e-commerce che vendano questo genere di articoli, noi ad esempio abbiamo trovato questo

Hydrospeed: conclusioni

L’ Hydrospeed è uno sport d’acqua viva che consiste nel percorrere il corso di fiumi e torrenti nuotando seguendo la corrente e utilizzando un’apposita tavola (simile a un bob) per ripararsi dagli urti con le rocce; anche se non è uno degli sport estremi più affermati in Italia l’ Hydrospeed sta riscuotendo sempre più attenzioni negli ultimi anni anche perché nel nostro paese non mancano i posti dove poter praticare questo tipo di attività. A livello di attrezzatura praticare l’ Hydrospeed è abbastanza dispendioso, per munirsi di tutti gli strumenti necessari a praticare questo sport è necessario un investimento iniziale difficilmente inferiore ai 500€, tuttavia è anche possibile noleggiare tutta l’attrezzatura presso le strutture che offrono la possibilità di praticare l’ Hydrospeed con prezzi “tutto incluso” che partono dai 60€ a persona e che includono normalmente anche un’escursione della durata di due o tre ore.

Hai trovato utile questo post sull'Hydrospeed?
Condividilo sui social network

EFFETTUA LA TUA RICERCA

Sei qui
CATEGORIA FITNESS
Condividi sui social Condividi su facebook Condividi su google plus
Feed Rss categoria fitness
FEED RSS FITNESS
Segnala un errore Diventa partner unadieta.it
indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

IL TUO PESO ESPRESSO IN KG
LA TUA ALTEZZA ESPRESSA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

Visita la nostra community dedicata al fitness Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su