Rafting: impara anche tu a sfidare i fiumi col Rafting


Rafting: impara anche tu a sfidare i fiumi col RaftingIl rafting è uno di quegli sport estremi capace di coniugare al meglio la passione per l’adrenalina e quella per la natura; fare rafting significa infatti innanzitutto sfidare fiumi, torrenti e corsi d’acqua e questo oltre che regalare una bella scarica di adrenalina ci consente di recuperare quel rapporto diretto con la natura che la vita in città ha ormai cancellato dalla nostra quotidianità. Nei prossimi paragrafi proveremo a capire meglio che cos’è il rafting, qual è la storia di questo sport e le sue origini, quanto costa praticare rafting e tenteremo di dare ancora altre informazioni utili a chi volesse provare ad avvicinarsi a questo sport estremo

Che cos’è il rafting

Il rafting consiste molto semplicemente nell’attraversare fiumi e corsi d’acqua seguendo la corrente a bordo di un apposito gommone chiamato appunto “raft”; il raft è un gommone particolare, inaffondabile e autosvuotante, utilizzato proprio per praticare il rafting. Considerando che i fiumi e i corsi d’acqua in genere possono sviluppare una forza enorme, il rafting è uno sport che viene praticato tipicamente in gruppo, sul gommone da rafting, quindi, c’è un vero e proprio equipaggio e questo rende questo sport non solo più accessibile per i meno esperti, che quindi possono avvalersi della presenza di istruttori e guide per poter praticare il rafting in completa sicurezza, ma offre un ulteriore valore aggiunto per questo sport, non solo quindi adrenalina e contatto con la natura, ma anche la possibilità di socializzare e passare un po’ di tempo insieme, cosa che rendono il rafting uno sport particolarmente adatto alle famiglie

Rafting: informazioni generali

Fin qui abbiamo provato a definire nel modo più semplice possibile cosa sia il rafting e cosa rende questo sport così affascinante per un numero sempre crescente di persone; nei prossimi paragrafi proveremo a dire qualcosa in più sul rafting, a partire dalle sue origini, passando per i posti in Italia in cui e possibile praticare questo sport fino ad arrivare a definire che tipo di attrezzatura e di preparazione serva per fare rafting oltre che provare a definire quanto possa costare iniziare a praticare questo tipo di sport.

  1. Rafting: storia ed origini di questo sport

    Se collegassimo il rafting all’abitudine degli esseri umani di percorrere il corso dei fiumi seguendone la corrente a bordo di apposite imbarcazioni potremmo facilmente risalire fino agli albori dell’umanità; con ogni probabilità i primi a sviluppare imbarcazioni adatte a seguire il corso dei fiumi furono le popolazioni assiro-babilonesi, ma praticamente ovunque nel mondo esistano fiumi le varie popolazioni hanno imparato ad utilizzare i corsi d’acqua come delle vere e proprie “autostrade”. Il rafting, intesto come sport, nasce però molto più tardi, in america durante i primi anni ’80 e si diffonde rapidamente prima in Europa e poi nel resto del mondo. La nascita della federazione italiana di rafting (che organizza gare, incontri ed altri eventi ufficiali) risale alla fine degli anni ’80, da allora questo sport si è diffuso in maniera esponenziale divenendo anche nel nostro paese uno degli sport estremi più apprezzati dalle persone comuni
  2. Dove praticare rafting in Italia

    In linea di massima il rafting è capillarmente diffuso in tutto il territorio nazionale, i centri quindi che offrono corsi ed escursioni sono raggiungibili quasi ovunque nel nostro paese; in termini di “location” probabilmente il nord Italia offre una maggiore varietà di posti presso cui è possibile praticare rafting, ma anche per gli appassionati del sud del nostro paese le opportunità per fare un’escursione non mancano. Per chi volesse iniziare ad avvicinarsi a questo sport consigliamo di contattare il più vicino dei centri rafting nella propria regione e valutare l’opportunità di fare comunque un corso; anche se il rafting è uno sport di gruppo e tipicamente in ogni escursione è presente almeno un istruttore o comunque una o più persone esperte, il rafting resta comunque uno sport estremo quindi acquisire un po’ di competenza in più prima di iniziare a fare le prime escursioni resta comunque in ogni caso una buona idea.
  3. Che tipo di preparazione serve per praticare rafting

    Come accennato per fare rafting non è necessaria una particolare preparazione, dato che è possibile partecipare ad escursioni di gruppo godendosi comunque la discesa sul fiume in assoluta sicurezza; dal momento però che praticare uno sport spesso appassiona e spinge ad aumentare le proprie competenze in merito i vari centri e la federazione italiana organizzano diversi corsi (di differenti livelli) attraverso i quali è possibile acquisire tutte le competenze necessarie per fare rafting al meglio delle proprie capacità e in assoluta sicurezza
  4. Attrezzatura per fare rafting

    Posto che normalmente quasi tutti i centri che organizzano escursioni di rafting danno la possibilità di noleggiare l’attrezzatura, diciamo subito che, almeno per quanto riguarda neofiti e amatori, acquistare un gommone per fare rafting è frequentemente una spesa inutile (dal momento che tipicamente il gommone lo mette a disposizione il centro rafting che scegliamo). Esiste però un’attrezzatura “personale” che anche i neofiti o comunque coloro che praticano il rafting in maniera amatoriale potrebbero preferire avere di proprietà; le scarpe ad esempio, il giubbotto e il giubbotto di salvataggio sono tutti strumenti che tipicamente possiamo acquistare senza svenarci e senza doverli quindi noleggiare ogni volta. Dato che il rafting presuppone anche un contatto diretto con la natura molte persone trovano utile portarsi dietro strumenti come una radiolina, un coltellino svizzero, caschi, corde e una piccola scorta d’acqua e di cibo di modo da poter far fronte anche a piccoli incidenti che potrebbero imporre la necessità di restare fermi in attesa di eventuali soccorsi.
  5. Quanto costa praticare rafting

    A differenza di altri sport estremi il rafting non richiede grossi sforzi economici per l’acquisto dell’attrezzatura perciò è uno degli sport estremi più accessibili da un punto di vista meramente economico; il costo di un escursione può variare sensibilmente in base a fattori come location, durata dell’escursione, difficoltà. Orientativamente il costo di un’escursione di rafting può partire da un minimo di una trentina d’euro (per le escursioni più semplici e di durata difficilmente superiore a un’ora e mezza) fino a un massimo anche di diverse centinaia d’euro per le escursioni più lunghe (che possono variare da un minimo di un paio di giorni fino a un massimo anche di una settimana in certi casi)

Rafting: accortezze, precauzioni e controindicazioni

Il rafting è uno sport adatto a tutti, non esistono grosse controindicazioni in merito alla possibilità di praticarlo; ovviamente come per qualunque altro sport anche nel caso del rafting il certificato di sana e robusta costituzione è necessario, per cui la prima cosa da fare è andare a fare due chiacchiere col proprio medico di fiducia. Per quanto sia superfluo dirlo precisiamo che comunque una certa confidenza con l’acqua è consigliabile, vero è che si usano i giubbotti di salvataggio ma altrettanto vero che se hai il terrore dell’acqua o se non sai nuotare forse è il caso di valutare la possibilità di orientarsi verso un altro tipo di sport.

Diffusione del rafting in Italia e in Europa

Il rafting è uno degli sport estremi più diffusi tanto in Italia quanto in tutta Europa; come detto a rendere il rafting uno sport così apprezzato sono principalmente la sua accessibilità (anche economica), la possibilità di essere a contatto con la natura ma anche (e forse soprattutto) la possibilità di praticare sport in compagnia. Il rafting viene usato per queste sue caratteristiche anche a livello educativo, ad esempio per insegnare la collaborazione e il lavoro di squadra ai ragazzi più complicati e difficili da educare (o che magari hanno dei precedenti guai con la giustizia), acquisendo quindi un valore formativo e di recupero; ma non solo, il rafting è uno sport adatto alle famiglie per passare un po’ di tempo di qualità insieme e, per finire, viene utilizzato anche da molte aziende per insegnare il team building ai propri dipendenti (soprattutto i manager) che quindi hanno così la possibilità di mettersi alla prova e capire come si può superare insieme, attraverso un lavoro di squadra, un momento di difficoltà o una qualunque criticità.

Gare di rafting: scoprile tutte

Le competizioni di rafting (nazionali e internazionali) contano quattro specialità che sono chiamate:

  1. Sprint: è una gara di velocità su distanze brevi
  2. Head to Head: funziona come lo sprint, ma è una competizione per eliminazione diretta, nello sprint vince il più veloce, in questa gara invece si scontrano due gommoni e quello che arriva prima passa alla fase successiva
  3. Slalom: è la gara più complicata dal punto di vista tecnico, consiste nel seguire un percorso attraverso 14 porte di cui almeno 4 vanno attraversate controcorrente
  4. Downriver: funziona come lo sprint, è quindi anche questa una gara di velocità, ma su un percorso più lungo che ha una durata di percorrenza che può variare tra i 40 e i 90 minuti

Rafting: conclusioni

Il rafting è uno sport di squadra che consiste nell’attraversare dei corsi d’acqua seguendone la corrente a bordo di particolari gommoni chiamati “raft”; il rafting è un vero e proprio sport con tanto di federazione ufficiale e gare di portata sia nazionale che internazionale, tuttavia la grande diffusione che questo sport ha conosciuto negli ultimi anni non riguarda tanto l’agonismo quanto gli amatori. Il rafting infatti unisce in se tre caratteristiche che sono molto apprezzate da chi vuole praticare sport amatorialmente al giorno d’oggi: costi accessibili, contatto con la natura e possibilità di socializzare. Per questi motivi il rafting è uno sport adatto in particolar modo alle famiglie e viene utilizzato anche da tante aziende per migliorare la capacità di lavorare in gruppo dei loro dipendenti.

Hai trovato utile questo post sul rafting?
Condividilo sui social network

EFFETTUA LA TUA RICERCA

Sei qui
CATEGORIA FITNESS
Condividi sui social Condividi su facebook Condividi su google plus
Feed Rss categoria fitness
FEED RSS FITNESS
Segnala un errore Diventa partner unadieta.it
indice di massa corporea Vai

IL TUO INDICE DI MASSA CORPOREA

IL TUO PESO ESPRESSO IN KG
LA TUA ALTEZZA ESPRESSA IN CM
IMC (Indice di Massa Corporea)
rischio

< 18.5 SOTTOPESO

OK

TRA 18.5 E 24.9 NORMOPESO

pericolo

> 30 OBESO

rischio

TRA 25 E 29.9 SOVRAPPESO

Visita la nostra community dedicata al fitness Torna in home Stampa Torna indietro Contatti Informazioni Torna su